Torture in Argentina, mandato di cattura per Don Reverberi

Fu cappellano militare dal 1980 al 1982 durante la dittatura. Ora è sacerdote a Sorbolo. La procura federale di San Rafael ha emesso l'ordinanza di arresto. Ma lui si dichiara estraneo ai fatti: ora si trova in parrocchia e non parla con i giornalisti

La foto segnaletica sul sito dell'Interpol

Argentina. Torture ai dissidenti durante gli anni della dittatura. Un mandato di cattura internazionale per crimini contro l'umanità. E' questa la pesantissima accusa nei confronti del sacerdote di Sorbolo don Franco Reverberi, secondo quanto riporta il Corriere della Sera. L'Interpol ha pubblicato una pagina sul sito internet con la foto segnaletica di Don Franco Reverberi, nella sezione dei ricercati. L'intera cittadinanza di Sorbolo è sotto shock.

IL VIDEO: DON REVERBERI CHIUSO IN CANONICA

'SONO INNOCENTE'. Reverberi si dichiara innocente ed estraneo ai fatti. Sostiene di non aver mai assistito ad episodi di tortura. L'Interpol lo starebbe cercando dopo l'ordine della procura federale di San Rafael, dove Don Reverberi ha prestato servizio durante gli anni della dittatura di Videla. Reverberi fu cappellano militare dal 1980 al 1982. Il suo nome sarebbe uscito dal racconto di alcuni testimoni che subirono le torture dei militari argentini. Per ora si tratta solo di un accusa: non esiste una verifica del fatto che il sacerdote presente nelle stanze dove venivano effettuate le torture fosse effettivamente lui.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RUOLO PASSIVO. Il ruolo del sacerdote che ora dice messa a Sorbolo non sarebbe stato, secondo l'accusa, attivo ma passivo. Avrebbe assistito ad una serie di torture senza mai denunciare. Da tempo circolava la notizia della presenza di un sacerdote che assistiva alle torture ma la sua identità non era mai stata rivelata. Incertezza su quello che succederà nelle prossime ore.

NON PARLA CON I GIORNALISTI. Stamattina Don Franco Reverberi si trova all'interno della parrocchia di Sorbolo e non vuole rilasciare nessuna dichiarazione ai giornalisti che, numerosi, si sono recati sul posto. Abbiamo raccolto alcune testimonianze dei cittadini di Sorbolo: molti hanno dichiarato di non conoscerlo. Un passante ha sottolineato che alcuni cittadini si domandavano il perchè del suo ritorno dopo tanti anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento