menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arquati, nuovi licenziamenti in vista. Fillea: "Lavoratori come merci usa e getta"

Arquati, Nuovi licenziamenti in vista. L'esubero di personale dichiarato dall'azienda nel nuovo piano di riorganizzazione sarebbe, secondo i sindacati, del 30%, ovvero 12 lavoratori licenziati sul totale di 47 dipendenti

Arquati, Nuovi licenziamenti in vista. L'esubero di personale dichiarato dall'azienda nel nuovo piano di riorganizzazione sarebbe, secondo i sindacati, del 30%, ovvero 12 lavoratori licenziati sul totale di 47 dipendenti. Poco meno di un terzo della forza lavoro. La Fillea Cgil non ci sta e annuncia battaglia e l'opposizione al nuovo Piano. 

"All'Arquati i lavoratori -si legge in una nota della Fillea Cgil- sono considerati alla stregua delle merci usa e getta. Dopo una stagione in cui i lavoratori hanno dato in termini di disponibilità, flessibilità, straordinari,tutto quello che potevano senza risparmiarsi, oggi l’azienda presenta il conto annunciando l'ennesimo piano di riorganizzazione, che arriva a soli due anni dall’ultimo. Il piano prevede una procedura di mobilità con un esubero di personale dichiarato pari al 30% della forza lavoro (12 su 47 dipendenti complessivi). Lungi dal presentare un piano industriale fatto di investimenti in tecnologia, innovazione dei processi, valorizzazione delle professionalità, l’azienda ripropone la solita logica di sempre: esternalizzazione di interi cicli o fasi produttive, licenziamenti e poco importa se dietro i freddi numeri dei costi produttivi ci sono uomini e donne con una loro dignità e con famiglie a carico. La crisi, drammatica, che dura ormai da troppo tempo, ha fatto la sua parte, ma questa decisione aziendale, che non ipotizza nemmeno di senza passare attraverso l'uso degli ammortizzatori sociali, ha il sapore cinico della beffa. I lavoratori e le lavoratrici si opporranno a questi ennesimi licenziamenti e la Fillea Cgil insieme a loro non starà a guardare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento