Medesano, arrestato per usura il camorrista Illuminato e la figlia 24enne

Mario Illuminato ha ricevuto il provvedimento in carcere dove si trova perchè indagato dell'omicidio di Raffaele Guarino, il ras della camorra ucciso lo scorso ottobre a Medesano con due colpi di pistola

Arresto dei carabinieri

I carabinieri del Comando di Parma hanno arrestato Mario Illuminato, 43 anni, originario di Barra (Napoli) e sua figlia Simona, 24 anni, con l'accusa di usura. Per Mario Illuminato il provvedimento di carcerazione è stato notificato in carcere, perché l'uomo è indagato per l'omicidio di Raffaele Guarino, affiliato al clan camorristico omonimo, ucciso a Medesano ad ottobre dello scorso anno con due colpi di pistola alla testa. Simona e Mario Illuminato sono accusati di aver praticato prestiti a tassi usurari ad una serie di imprenditori originari della Campania ma attivi in provincia di Parma e in particolare nella zona di Medesano.

Stando ai carabinieri che hanno eseguito accertamenti tecnici nel corso degli ultimi mesi, l'attività usuraria era svolta inizialmente da Mario Illuminato e, dopo la sua carcerazione lo scorso marzo, era stata presa in gestione da sua figlia Simona che, hanno spiegato i militari, si avvantaggiava nell'attività del timore che sulle vittime incuteva il fatto di sapere che suo padre era detenuto perché pesantemente indiziato di omicidio. L'attività sarebbe iniziata nel 2009 e continuata fino a pochi giorni fa, quando il gip del tribunale di Parma Paola Artusi ha autorizzato la richiesta di carcerazione presentata dalla pm Roberta Licci. Altissimi i tassi applicati dai due presunti usurai: l'interesse mensile poteva aggirarsi tra il 5 e il 10%; quello annuo tra il 60 e il 120%.

"Molto dipendeva - ha detto il capitano Massimo Spadano - dall'entità della somma prestata: più contenuto era l'ammontare del perstito più alti erano i tassi applicati". In alcuni casi gli imprenditori "strozzinati" dovevano arrivare a cedere di fatto la propria attività. E' questo il caso di un ristoratore della provincia di Parma che, in breve tempo, non potendo far fronte al prestito, è stato costretto a gestire il proprio ristorante per conto dei due arrestati. Gli altri casi, circa otto, riguardano piccole imprese artigiane operanti nel settore edile. L'ammontare del giro di usura messo in piedi da Illuminato padre e figlia è di 500mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri però non escludono che questa attività possa essere iniziata già prima del 2009 e che possa essere più ramificata di quanto pare dalle indagini. Per quanto riguarda poi l'omicidio di Raffaele Guarino, ucciso nottetempo da un sicario nella sua abitazione di Medesano, i militari non escludono che possa essersi trattato anche di un regolamento di conti tra soggetti che praticavano l'usura. Anche se, di base, l'omicidio ha una matrice passionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento