'Banda dei tunnel': ecco come i carabinieri hanno identificato i banditi

Le indagini che hanno portato alle ordinanze di custodia cautelare: sono state analizzate oltre un milione e mezzo di stringhe telefoniche

Oltre un milione e mezzo di stringhe telefoniche analizzate per cercare di arrivare a qualche indizio, testimonianze, analisi di banche dati, monitoraggio costante del territorio. Sono questi alcuni degli elementi messi in campo dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Parma che, dopo l'eclatante rapina del 31 ottobre ai danni della filiale di via Venezia di Banca Monte Parma, hanno iniziato da subito le indagini. Dopo il colpo, avvenuto tramite la creazione di un tunnel all'interno della rete fognaria del quartiere San Leonardo a Parma, gli elementi a disposizione erano pochi. La banda dei tunnel infatti, come le indagini successive hanno mostrato, agiva con estrema cautela: un gruppo di banditi professionisti che non lasciava nulla al caso. 

SCAVANO UN TUNNEL PER RAPINARE LA BPER DI VIA CAVOUR, 10 ARRESTI; SGOMINATA LA BANDA CHE ASSALTO' BANCA MONTE

Attraverso l'analisi delle banche dati i militari hanno redatto un lungo elenco delle persone di quell’area  presenti in città dal mese precedente la rapina; il secondo passaggio è stato il lavoro di screening: sono state passate al setaccio centinaia di posizioni, analizzati oltre 1,5 milioni di report informatici, finché la rosa degli interessati si è ristretta e sono state individuate delle utenze target. Dopodichè i carabinieri hanno attivato un sistema di intercettazione telefonica ed ambientale, oltre ai servizi di osservazione e pedinamento sul terreno. Gli esiti degli accertamenti dei Ris di Parma hanno stretto il cerchio intorno agli indagati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento