menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bargnocla

Bargnocla

Dalla rete - E' arrivato il marino! Ma no, è solo puzza di inceneritore

Sul web sta circolando un 'siparietto' tra la maschera parmigiana Dsevod e Bargnocla, il burattino creato da Ferrari. Invece della brezza profumata, i due faranno i conti con l'aria che arriva dal forno

Sul web sta circolando un simpatico 'siparietto' tra la maschera parmigiana Dsevod e Bargnocla, il burattino creato da Ferrari. Invece della brezza profumata, i due faranno i conti con l'aria che arriva dal forno. Ringraziamo per lasegnalazione l'associazione Gcr e ve lo proponiamo in dialetto parmigiano.

Il marino
Atto unico in vernacolo.

Dramatis personae:
Al Dsevvod
Bargnocla

Interno. Nella penombra si intravede un tavolo apparecchiato: un fiasco di Lambrusco, mezzo vuoto, un mezzo prosciutto sul quale spicca il marchio con la corona del Consorzio. Una poltrona al centro della stanza, sulla quale sonnecchia un uomo di mezza età. Sulla sinistra, una porta socchiusa. Sulla destra una finestra chiusa.

Al Dsevvod (entra dalla porta, spingendola con vigore): Bargnòcla, móvot, là, réva la fnéstra che incó l’é ‘drè rivär al “Marino”!!! Intànt mi a tach a  tajär al parsùtt! L’à da ésor bón bombén, col “Marino”, vèh!!!!

Bargnocla (sussulta, poi, pigramente, si alza dalla poltrona e si dirige lentamente verso la finestra. La apre, sempre con lentezza, si affaccia ed
inspira a pieni polmoni. Si ritrae tappandosi il naso, schifato): Mo co’ dit, “Marino”! Sit imbarjägh? Sénta che odor äd cagnùss märs!

Al Dsevvod (risentito, si avvicina alla finestra, annusa l’aria con sussiego. Poi sussulta): Eh, ch’a t’véna un càncor, Bargnocla! A t’gh’è ragión, a gh’è ‘n’odór ch’al fa gnir imbasti!

Bargnocla: E cost-e chì l’aris da ésor l’odór dal “Marino”?!?!?!

Al Dsevvod: Mo insomma, Bargnocla, a né t’capiss propja gnénta! Cost-a chì l’é la spussa ädl’inseneridór dal SPIP!

Bargnocla: L’inseneridóóóór? Béh! Mo, co’ éni adrè a bruzär, d’i pongón märs?

Al Dsevvod: Mo co’ vót ch’a sapja mi co’ én adrè a bruzär chi delincuént äd l’Iren(*)! Va bén, và, sära su la fnéstra.

Bargnocla (annusando preoccupato una fetta del prosciutto che Dsevvod ha appena finito di tagliare): Vèh, Dsevvod, a m’sa che anca coll parsùtt chì al sapja un po’ äd merda!!!

Al Dsevvod (annusando a sua volta): Mo al sät ch’a t’gh’è ragión!!!! Zbata
tutt in-t-al rud, vàh!

Bargnocla (tracanna un generoso bicchiere di lambrusco): E anca incó salta bobbi! Vat’l-a-tór-in-t-al cul ti e l’Iren(*)!

Il coro: Non è crudo. E’ di Parma, come l’inceneritore!

(*nel testo originale Enia)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento