menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Educatori, bambini e genitori in piazza per difendere i servizi all'ìnfanzia

Asili e bando per l'iscrizione ai servizi educativi. Il gruppo 'Per fare un asilo ci vuole un asilo' che ha animato la protesta contro la Giunta a 5 Stelle e la vicesindaco Nicoletta Paci ha indetto una manifestazione per sabato 21 marzo a partire dalle ore 10.30

Asili e bando per l'iscrizione ai servizi educativi. Il gruppo 'Per fare un asilo ci vuole un asilo' che ha animato la protesta contro la Giunta a 5 Stelle e la vicesindaco Nicoletta Paci ha indetto una manifestazione per sabato 21 marzo a partire dalle ore 10.30 in piazza Garibaldi. Oltre alla possibilità di discutere sul tema ci saranno anche alcune educatrici che offriranno momenti di animazione ai bambini "svolgere in sostanza i tanti piccoli momenti di formazione dei quali, quotidianamente, fanno esperienza nelle scuole comunali, quella formazione di cui la giunta Pizzarotti sembra voler privare molti dei nostri figli".

NOTA DI 'PER FARE UN ASILO CI VUOLE UN ASILO'- "Passato ormai un mese dalla chiusura delle iscrizioni ai servizi educativi dell’infanzia e dalle polemiche che hanno accompagnato la pubblicazione di un bando quanto mai confuso e pieno di errori, è calato un profondo silenzio da parte della giunta comunale e del Vicesindaco Paci. Ad oggi non sono stati ancora distribuiti i moduli per i trasferimenti: perché tanto ritardo? La dott.ssa Paci si era impegnata in TV ad una distribuzione da eseguire entro il mese di febbraio. 

Forse l’assessore non ha ancora scelto quali asili chiudere per il prossimo anno scolastico? In queste settimane di silenzio noi genitori del gruppo 'Per fare un bambino ci vuole un asilo' abbiamo continuato a tenere alta l’attenzione sul problema, abbiamo iniziato un percorso di collaborazione con le educatrici autoconvocate dei servizi comunali e delle partecipate (preoccupate come noi della precarietà della situazione), abbiamo rinnovato la nostra disponibilità ad incontrare e a discutere con l’Assessore i vari possibili scenari di riorganizzazione dei servizi. Tuttavia ad oggi abbiamo ricevuto scarsi segnali di apertura dalla giunta comunale. 

Abbiamo pertanto deciso di scendere in piazza ed organizzare una manifestazione sabato 21 marzo, in piazza Garibaldi, dalle 10.30 in poi dal titolo ”Asili? Io ci tengo!”. Sarà l’occasione per incontrare i tanti genitori che come noi sono preoccupati per l’avvenire dei servizi educativi dei propri figli; saremo in piazza assieme al Comitato genitori infuriati  per una mattina interamente dedicata alle famiglie ed alle tante preoccupazioni per la situazioni di incertezza per i servizi educativi essenziali. 

La manifestazione proporrà momenti di discussione per i genitori, affiancati a momenti di animazione offerti dalle educatrici, dove i bambini potranno giocare, leggere libri, colorare, fare bolle di sapone, svolgere in sostanza i tanti piccoli momenti di formazione dei quali, quotidianamente, fanno esperienza nelle scuole comunali, quella formazione di cui la giunta Pizzarotti sembra voler privare molti dei nostri figli.

Alla manifestazione invitiamo tutti i genitori, i nonni, le coppie ancora senza figli, per le quali i tagli del Comune potrebbero condizionare pesantemente le scelte future, ed anche tutte le forze politiche che siedono in Comune, maggioranza ed opposizione, nella speranza che quest’occasione diventi un momento di confronto e di valutazione di possibili soluzioni. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà sotto i Portici del Grano. Ci vediamo sabato, 21 marzo, Piazza Garibaldi ore 10.30" 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento