Ugozzolo, conclusi i lavori: inaugurato il nido d'infanzia Scarabocchio

Un nido d’infanzia tutto nuovo: si sono conclusi i lavori di ristrutturazione dell’edificio a due piani che ospitava un tempo l’ex Trilly in località Ugozzolo, e prima ancora le scuole elementari di Cortile San Martino, dove è stato realizzato il nido d’infanzia Scarabocchio, aperto dall’8 settembre

Un nido d’infanzia tutto nuovo: si sono conclusi i lavori di ristrutturazione dell’edificio a due piani che ospitava un tempo l’ex Trilly in località Ugozzolo, e prima ancora le scuole elementari di Cortile San Martino, dove è stato realizzato il nido d’infanzia Scarabocchio, aperto dall’8 settembre, ma inaugurato oggi dal vicesindaco Nicoletta Paci e dall’assessore ai lavori pubblici Michele Alinovi, che hanno tagliato il nastro dopo la benedizione ad opera di don Fausto Mora.. 

“La ristrutturazione dell’edificio – ha detto Nicoletta Paci, delegata ai servizi educativi - ha prodotto un ottimo risultato, la scuole è bella e confortevole, apprezzata da bambini e genitori”. “Questa struttura – ha ricordato Michele Alinovi – figurava nell’elenco dei beni da alienare. Noi, invece, abbiamo ritenuto di recuperarla come edilizia scolastica, anche come gesto di attenzione ad un quartiere della periferia nord. L’intervento – ha sottolineato ancora l’assessore – si è rivelato più complesso del previsto: l’edificio è stato messo in sicurezza, si è migliorata l’acustica, sono state eliminate le barriere architettoniche e sono stati realizzati interventi di miglioramento dal punto di vista sismico e del risparmio energetico”.

L’intervento è stato attuato, per conto del Comune, da Parma Infrastrutture. La nuova scuola è gestita direttamente dai Servizi Educativi del Comune e si sviluppa su due piani. Il nido d’infanzia Scarabocchio ospita 42 bambini con sei educatrici, suddivisi in tre gruppi sezione di 14 bambini ciascuna di età compresa tra i 12 mesi e i 36 mesi. E’ aperto dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18. La scelta di intervenire in via prioritaria nell’edificio di Ugozzolo, maturata su precisa indicazione del Settore Servizi Educativi del Comune, è stata dettata anche dalla necessità di recuperare le aule occupate un tempo dal nido Scarabocchio nel complesso scolastico Vicini di via Milano, dove sono state ricavate 6 nuove aule, per far fronte alla crescente domanda di posti per la scuola primaria e secondaria di primo grado. 

Il nido d’infanzia Scarabocchio va ora ad occupare la vecchia sede dell’asilo Trilly, che era gestione a Parma Infanzia, e che, non essendo più in linea con le norme di sicurezza previste dalla legislazione vigente, era chiuso dal giugno del 2012. Il nuovo Scarabocchio si presenta accogliente. E’ una struttura in linea con le norme di sicurezza attuali. I lavori di ristrutturazione hanno comportato l’adeguamento in materia di barriere architettoniche e prevenzione incendi, la ridistribuzione generale degli spazi interni ed il rifacimento completo degli impianti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto esecutivo ha comportato la ridistribuzione funzionale dei locali con due gruppi “sezione” con accessi indipendenti al piano terra e un terzo gruppo sezione al primo piano. Al primo piano, trovano spazio i locali destinati ad ufficio, lavanderia , ripostigli , servizi del personale , dispensa e cucina. Il piano superiore, oltre che dal vano scala principale interno al fabbricato, è raggiungibile anche tramite un ascensore con accesso diretto dall’esterno ed è dotato di una scala esterna di sicurezza in acciaio. I lavori hanno comportato la sostituzione di tutti i serramenti esterni con l’installazione di nuovi serramenti e vetri per ridurre le dispersioni termiche. In tutti gli ambienti è stato realizzato un controsoffitto a pannelli con marcate caratteristiche di fono-assorbenza, per ridurre al minimo il riverbero acustico. I lavori sono stati realizzati dall’associazione di imprese - “ SGC srl di Parma - Idraulica F.lli Sala s.r.l. di Reggio Emilia”. Il costo dell’intervento ammonta a 500 mila euro, comprensivo del contributo regionale, messo a disposizione dalla Provincia, pari a 250 mila euro. L’importo netto dei lavori è di 373 mila euro, oltre iva, ai quali si aggiungono 20 mila euro per la scala in acciaio e 30 mila euro di attrezzature nuove per la cucina tra cui frigoriferi, cappe, forno e lavastoviglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento