menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asp Fidenza | Manifestazione contro l'affidamento dei servizi ai privati

Manifestazione contro l'affidamento dei servizi di assistenza agli anziani, disabili e bambini alle cooperative. Nota congiunta di M5S Fidenza e del consigliere regionale Gianluca Sassi. "In questo modo aumenteranno le rette e diminuirà la qualità delle prestazioni". L'appuntamento è per sabato 28 marzo alle 10:30 in piazza Garibaldi.

Una manifestazione per dire no al passaggio dei servizi del’ASP di Fidenza alla cooperative private. È quella che si terrà sabato 28 marzo a partire dalle 10:30 in piazza Garibarldi e che vedrà scendere in prima linea il M5S di Fidenza che sta cercando di chiamare a raccolta i cittadini per impedire che servizi importanti come l’assistenza ai disabili, agli anziani e ai bambini, siano privatizzati. “Se verrà confermato l’affidamento delle strutture dell’ASP di Fidenza alle cooperative private i danni saranno incalcolabili per la nostra comunità – spiegano il Movimento 5 Stelle di Fidenza e il consigliere regionale M5S Gianluca Sassi – Significa che he d'ora in poi i servizi ai disabili, i bambini in affido, i nostri anziani nelle case di riposo, l'assistenza domiciliare, i centri diurni, insomma, i servizi sociali del Distretto di Fidenza saranno per gran parte privatizzati. Un disastro anche dal punto di vista economico visto che, come hanno dimostrato gli studi di fattibilità, ci sarebbe una maggiore spesa a carico dei Comuni, e quindi dei cittadini, che oscillerà dai 300mila ai 900mila euro a seconda di quanto le cooperative aumenteranno le rette e quanto diminuiranno i livelli di assistenza.  E allora perché accanirsi, se internalizzando i servizi si avrebbero rette più basse, servizi migliori, e minori costi?”.

Oltre al danno economico (a cui si aggiunge il rebus tutela dei lavoratori che rischiano di essere in parte licenziati o vedere i propri contratti non rinnovati) per M5S di Fidenza e il consigliere Sassi la vicenda dell’ASP rischia di minare i principi della partecipazione democratica all’amministrazione della città.  “Il sindaco Massari, capofila del Distretto, ha promesso una seduta del Consiglio Comunale dedicata al tema, ma l’ha mai fatta – aggiungono - Ha promesso un incontro con il sindacato e coi lavoratori per fornire garanzie sul loro futuro, ma non l’ha mai.  Inoltre, abbiamo raccolto più di 2.000 firme per chiedere di sospendere la decisione e sottoporla a referendum popolare, richiesta che non ha mai preso nemmeno in considerazione - A Fontanellato il Comitato per la difesa della Casa di Riposo Pubblica aveva invitato il sindaco Altieri e tutti i sindaci del Distretto ad un dibattito pubblico, ma hanno preferito non confrontarsi coi cittadini.  Soltanto la nostra consigliera comunale di Fidenza, Angela Amoruso, era presente all’incontro”. La manifestazione di sabato 28 marzo, prevista per le 10:30 in piazza Garibaldi a Fidenza, è aperta a tutti i cittadini. “Non possiamo più restare a guardare – concludono gli esponenti del M5S – è in gioco il nostro futuro e non abbiamo più tempo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento