rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Centro / Via Giuseppe Verdi

Assaltano nella notte una tabaccheria di via Garibaldi: 21enne bloccato ed arrestato

I poliziotti lo hanno fermato un via Verdi subito dopo aver messo in atto il furto: indagini per risalire ai due complici

Hanno assaltato - sfondando la porta a vetri - una tabaccheria di via Garibaldi, sono entrati ed hanno rubato alcune stecche di sigarette. Il blitz è avvenuto nelle prime ore della mattinata di oggi, lunedì 20 dicembre: erano da poco passate le 5, infatti, quando i poliziotti delle Volanti - dopo una segnalazione - sono intervenuti in pieno centro. Un passante aveva infatti visto tre persone scappare dopo aver sfondato la vetrata di una tabaccheria di via Garibaldi. Gli agenti si sono precipitati sul posto: in viale Toschi hanno intercettato un giovane, che stava correndo verso via Verdi.

I poliziotti lo hanno inseguito e fermato: il 21enne, cittadino italiano nato in Marocco, senza fissa dimora e pregiudicato per reati contro il patromonio, è stato bloccato tra via Verdi e via Bottego. Nelle tasche dei pantaloni aveva 4 confezioni da 20 sigarette, il tutto ancora perfettamente confezionato e integro. In una tasca del giubbotto è stata trovata una tessera abbonamento Tep della quale l’uomo non sapeva motivarne il possesso. 

Portato in Questura è sottoposto ai rilievi dattiloscopici da parte della Polizia Scientifica: per lui sono scattate le manette per il reato di furto aggravato in concorso. Su disposizione dell’autorità giudiziaria trattenuto nelle celle di sicurezza in attesa del processo per direttissima. Il giovane è stato denunciato per il reato di ricettazione in merito al possesso ingiustificato della su descritta tessera abbonamento Tep intestata ad un'altra persona. È in corso di quantificazione la merce all’esercizio commerciale: sono in corso le indagini per risalire ai due complici. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assaltano nella notte una tabaccheria di via Garibaldi: 21enne bloccato ed arrestato

ParmaToday è in caricamento