Assalto armato alle Poste: "Ho sentito uno sparo, poi ho visto tre persone scappare a piedi"

La testimonianza della titolare del negozio a fianco all'ufficio postale di Pontetaro: "Ero dentro al negozio e non sono uscita, solo quando ho visto polizia e carabinieri ho capito che si era trattato di una rapina"

L'ufficio postale di Ppntetaro chiuso dopo la rapina

Nella mattinata di oggi, lunedì 3 dicembre, una banda di malviventi ha assaltato l'ufficio postale di Pontetaro, in via Ida Mari. Un gruppo di almeno tre persone armate si è impossessato di un ingente bottino, che deve ancora essere quantificato, dopo aver sparato alcuni colpi. La dinamica della rapina non è ancora chiara: dalle prime informazioni sembra che almeno tre persone si siano allontanate subito dopo il colpo. Polizia e carabinieri stanno cercando i rapinatori. La titolare del negozio a fianco all'ufficio postale ci ha spiegato cosa ha visto stamattina, poco dopo le 8.

"Erano da poco passate le 8, io ero all'interno del mio negozio e da qui non sono mai uscita. Ho sentito un colpo, poi ho visto tre persone scappare a piedi. Poco dopo sono arrivati polizia e carabinieri con diversi mezzi: solo in quel momento mi sono resa conto che c'era stata una rapina. Hanno aspettato che il negozio postale aprisse per fare un blitz; non so in quanti fossero, sicuramente almeno in tre. Poco prima delle 8 poi c'erano due uomini che si aggiravano in modo sospetto in zona: forse potevano essere i pali o qualcuno che faceva un sopralluogo, poco prima di colpire". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la 38enne di Fontanellato colpita da un malore in acqua

  • Tragedia a Varano: 39enne muore schiacchiato dalla ruspa che stava conducendo

  • La parmigiana Erica Talco torna a 'Uomini e donne'

  • Annaffia i fiori e l'acqua finisce sul balcone di sotto: 53enne aggredisce il vicino con un grosso machete

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • Roccabianca: scoperte due concessionarie abusive di auto

Torna su
ParmaToday è in caricamento