In tre assaltano il bancomat dell'Ikea, ma scappano a mani vuote

Nella serata di martedì tre malviventi a volto coperto hanno tentato di far esplodere il bancomat dell'Ikea usando acetilene, ma la cassa ha retto all'impatto e i ladri sono fuggiti senza bottino

Ikea di Parma

Intorno alle 22,30 tre malviventi a volto coperto hanno tentato di far esplodere il bancomat all'interno dell'Ikea in zona Ugozzolo. I ladri hanno usato acetilene, ma la cassa continua ha retto all'urto e i tre sono stati costritti a fuggire a mani vuote. Già nel 2010 il bancomat era stato razziato di 200mila euro e dopo quel colpo l'istituto bancario San Paolo Imi decise di rinforzare la cassa. Sulla vicenda indaga la polizia che ha acquisito i filmati delle videocamere a circuito chiuso per cercare elementi utili all'identificazione dei malviventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento