menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Easy Money, l'ex assessore Bernini si 'guadagna' gli arresti domiciliari

Dopo tre settimane nel carcere di Forlì, l'ex delegato alla Scuola aveva vuotato il sacco nell'interrogatorio di 9 ore di mercoledì scorso in merito alle accuse di corruzione e peculato a suo carico

E' stato scarcerato dopo tre settimane di carcere a Forlì. L'ex assessore ai Servizi educativi del Comune, Giovanni Paolo Bernini, era stato arrestato lo scorso 26 settembre nell'ambito dell'operazione "Easy Money" con l'accusa di peculato e corruzione.
Con lui, finirono in manette il suo braccio destro Paolo Signorini, e gli imprenditori Mauro Tarana e Antonio Martelli.

Bernini è stato sentito dagli inquirenti lo scorso 12 ottobre, in un'interrogatorio-fiume durato circa nove ore, in cui l'ex assessore pidiellino avrebbe risposto a tutte le domande, in particolare Easy Money, la Procura interroga l'ex assessore Bernini - ParmaToday
sulla 'mazzetta' di 8mila euro che avrebbe ricevuto dal dirigente della Copra, Mauro Tarana, in cambio di appalti nelle mense degli asili comunali.eggi tutto: https://www.parmatoday.it/cronaca/interrogatorio-ex-assessore-bernini.html
Diventa fan: https://www.facebook.com/ParmaToday

La pm e la Guardia di Finanza hanno chiesto conto a Bernini non solo delle ipotesi di reato contestate nell'ordinanza di custodia cautelare, ma hanno chiesto riscontri anche su altre vicende non oggetto di contestazione ma che emergono dalle intercettazioni telefoniche cui l'ex assessore è stato sottoposto nel corso del lungo periodo di indagine.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento