I partigiani contro Casa Pound: esposto per apologia di fascismo

Dopo il volantinaggio della fanzine di Blocco Studentesco davanti alle scuole dove i resistenti venivano definiti 'strupratori e violenti' Anpi, Aned, Anpc e Alpi si sono rivolte alla Procura

La fanzine incriminata

Quattro associazioni partigiane parmensi hanno deciso di presentare in Procura un esposto contro l'associazione neofascista Casapound di Parma per ingiurie ed apologia del fascismo. Al centro della querela di Anpi, Aned, Anpc e Alpi, un volantino distribuito in novembre da Blocco Studentesco, organizzazione giovanile di Casa Pound, davanti ad alcune scuole della città emiliana dove, nella didascalia di una foto che ritraeva un partigiano, Casapound descriveva la Resistenza come "raffiche di mitra, violenze e stupri", paragonando poi i combattenti antifascisti ai miliziani di Gheddafi, aggiungendo "basta un'ora di viltà (...) per fare un partigiano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

Torna su
ParmaToday è in caricamento