menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Borgo Onorato, solidarietà del Ciac agli abitanti e ai richiedenti asilo: Parma non ha paura

Il Ciac spiega dalle pagine del suo sito: "Un atto meschino, perpetrato nel mezzo della notte, che imprime al cuore della nostra città una ferita ben più grave della fiammata che ha incendiato lo stabile in questione"

Interviene con una nota sul suo sito il Ciac Onlus, che con il Centro interculturale di Parma e provincia si unisce per condannare l’attentato avvenuto contro il centro che ospita i richiedenti asilo gestito dall’associazione Svoltare in borgo Onorato. Ecco le parole affidate alla nota dal Ciac. “Abbiamo appreso che nella notte tra sabato e domenica un grave atto di violenza ha messo a rischio l’incolumità degli abitanti di borgo Onorato. Non avrebbe senso sottolineare che in quella via risiedono dei richiedenti asilo – vale forse di meno la paura e il rischio di cui è vittima uno straniero? – se non fosse che l’intento degli aggressori era chiaramente quello di recare grave danno fisico e morale proprio a chi è accolto in quegli appartamenti, nel quadro di accordi istituzionali sottoscritti dalla Prefettura con l’onlus Svoltare. Un atto meschino, perpetrato nel mezzo della notte, che imprime al cuore della nostra città una ferita ben più grave della fiammata che ha incendiato lo stabile in questione. Non può esserci comprensione né giustificazione alcuna per chi vigliaccamente, nel buio della notte, attenta alla sicurezza di chi dorme finalmente sonni tranquilli, credendo di aver più nulla da temere una volta approdato nella pace di Parma, dell’Italia, dove guerra, esplosioni, attacchi, rappresaglie notturne dovrebbero far parte solo di un oscuro passato.
L’associazione CIAC onlus e il Centro interculturale di Parma e provincia esprimono tutta la propria solidarietà all’associazione Svoltare e ai richiedenti asilo che si sono prontamente attivati per spegnere l’incendio e impedire che raggiungesse anche altre abitazioni. Allo stesso modo denunciamo senza appello i responsabili di quello che si configura a tutti gli effetti come un attentato alla sicurezza della nostra città e ai principi dell’accoglienza e dei diritti che crediamo debbano contraddistinguere la nostra comunità. Per questo ci auguriamo che la ferma condanna a questo atto sia unanime e durissima: tutta Parma deve rispondere unita, con indignazione e senza paura, a chi porta violenza e odio, mostrando che solo una comunità aperta e plurale può essere davvero sicura. Per tutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Crolla il controsoffitto: Duc allagato

  • Attualità

    Scuola Bottego, piano allagato: gli alunni tornano a casa

  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento