menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Attentato a Charlie Hebdo, il Pdc'I: "Sulla Gazzetta attacchi contro la religione islamica"

"I sanguinosi fatti di Parigi, che il PCd'I condanna nella maniera più assoluta, hanno fatto prevalere la paura sulla ragionevolezza e invocare limitazioni delle libertà civili e leggi specialiad hoc per i fedeli musulmani, agitando lo spettro della "guerra"

"Dopo il riprovevole attacco alla redazione di “Charlie Hebdo” -si legge in una nota del Partito dei Comunisti Italiani di Parma- si sono susseguiti sulla Gazzetta di Parma pesanti attacchi contro la religione islamica e i diritti umani da parte di alcune importanti firme del quotidiano,a partire dagli editoriali di Molossi e Cacopardo. Viene descritto come “pregiudizio” l’idea che esista un islam moderato, in realtà silente e totalmente succube all’integralismo insito nel Corano: se ciò corrispondesse al vero è palese che persino la nostra provincia, con i suoi 15.000 fedeli, sarebbe stata da tempo colpita da attentati simili a quelli di Parigi.

Evitiamo di rispondere in merito alle interpretazioni dei versetti delle Sure citate in questi giorni, limitandoci a far notare come non si possa ragionevolmente credere che un musulmano nero in America legga e dia interpretazioni identiche (come invece riportato nell’editoriale di Cacopardo) dello stesso testo rispetto a un palestinese di Gaza,a una contadina indonesiana o a un’insegnante saudita, tanto più che manca nella religione islamica una figura che dia direttive unitarie, simile a quella del papa per i cattolici. Nella fattispecie in ogni caso segnaliamo che sono state emesse diverse fatwe (che sono interpretazioni giuridiche, non scomuniche) di condanna al contrario di quanto erroneamente riportato.

I sanguinosi fatti di Parigi, che il PCd’I condanna nella maniera più assoluta, hanno fatto prevalere la paura sulla ragionevolezza e invocare limitazioni delle libertà civili e leggi specialiad hoc per i fedeli musulmani, agitando lo spettro della “guerra”, lo scontro della cività, i barbari contro gli esseri civilizzati. Rifuggiamo questa retorica: più della guerra bisogna invocare la cultura, più dell’intervento armato fa paura la scuola: ce lo insegna una ragazza di 16 anni in Pakistan e oltre 130 suoi connazionali, 300 studentesse rapite in Nigeria e i 43 studenti scomparsi ad Ayotzinapa in Messico, ma abbiamo dimenticato la lezione troppo presto. “La storia insegna ma non ha scolari”, soprattutto quella che non accade alle porte di casa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento