menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Westminster il giorno dopo l'attentato - foto di Simone Feroci

Westminster il giorno dopo l'attentato - foto di Simone Feroci

Attentato a Londra, la testimonianza di un parmigiano: "Strade chiuse, la gente ha paura"

Simone Feroci è un musicista parmigiano che vive nel distretto di Westminster, lo stesso dell'attacco terroristico di ieri: "Ho sentito le ambulanze sfrecciare davanti al locale in cui stavo suonando, sono rimasto di stucco"

Simone Feroci è un musicista parmigiano che si è trasferito in Inghilterra ed ora vive a Londra, nel distretto di Westminster. Ieri, proprio nel momento dell'attentato davanti al Parlamento, stava suonando il basso nella staff room di un locale, nello stesso quartiere dell'attentato. "Ieri stavo suonando il basso nella staff room di un locale, a un certo punto inizio a sentire copiose sirene di ambulanze. Sono sceso nel locale, e le stesse sirene suonavano nella televisione del locale stesso, son rimasto di stucco. Ho appreso così di quanto accaduto". Simone ha sentito le sirene delle ambulanze che sfrecciavano a pochi passi da lui ed ha visto le immagini: un Suv aveva travolto decine di persone: quattro le vittime finora accertate. VIDEO DI SIMONE FEROCI: I CRONISTI AFFOLLANO WESTMINSTER

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Precipita con il paracadute: muore un 60enne parmigiano

  • Cronaca

    Coronavirus, aumentano i positivi: sono 130

  • Cronaca

    Ristoranti: ecco tutte le regole per la riapertura

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento