Aung San Suu Kyi: "Grandissima gioia venire a Parma"

Aung San Suu Kyi è giunta a Parma. E' stata accolta dal sindaco Federico Pizzarotti, dal Prefetto Luigi Viana, dalla senatrice Albertina Soliani, dal presidente dell'Associazione "Amici della Birmania" Giuseppe Malpeli e dall'ex Consigliere Comunale Marco Ablondi che propose la cittadinanza onoraria

Il giorno tanto atteso è arrivato: Aung San Suu Kyi è giunta a Parma. E' stata accolta dal sindaco Federico Pizzarotti, dal Prefetto Luigi Viana, dalla senatrice Albertina Soliani, dal presidente dell'Associazione "Amici della Birmania" Giuseppe Malpeli e dall'ex Consigliere Comunale Marco Ablondi che propose la cittadinanza onoraria.

Video: Aung San Suu Kyi e il Và Pensiero 

Le note verdiane della marcia trionfale dell’Aida, eseguite dal Quintetto Toscanini, hanno accolto questa mattina, verso le 9.30, sotto i portici del Grano, il Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi. Un vero trionfo, il suo. Ad attenderla c’era il sindaco Federico Pizzarotti che l’ha accompagnata nella sala del consiglio comunale dove si  è svolta la cerimonia di consegna del sigillo della città di Parma alla donna che incarna la forza, la determinazione e la difesa strenua dei diritti umani a partire dalle libertà individuali. Una lotta che la stessa ha combattuto nel suo Paese, la Birmania, in nome della democrazia e della libertà. Un momento particolarmente commovente, che ha visto la partecipazione dei consiglieri comunali attuali e di quelli della precedente Amministrazione che, nel 2007, conferì la cittadinanza onoraria a Aung San Suu Kyi.

"E’ grande oggi l’emozione – ha detto il primo cittadino – nell’avere qui con noi Aung San Suu Kyi, una persona di grande levatura per quello che rappresenta non solo per il suo Paese, ma nel mondo. La sua dolcezza, la sua delicatezza si completano con i valori di cui si è fatta portatrice e che l’hanno resa un punto di riferimento per molti. L’averla qui oggi rappresenta uno spunto di riflessione, a partire da coloro che siedono in Consiglio comunale. Il dibattito democratico, condotto con rispetto, è una risorsa se pensiamo alla Birmania che sta uscendo dalla dittatura. Doniamo oggi il sigillo della città di Parma al Nobel per la Pace, nella speranza che esso sia il simbolo nel mondo dei valori che ci accomunano con Aung San Suu Kyi".
 
Il Nobel per la Pace ha aperto il proprio intervento con un "Buon giorno a tutti" in italiano ed ha proseguito in inglese trattando diversi temi di estrema attualità a partire dall’integrazione per passare alla disoccupazione giovanile, facendo un appello alla "comprensione e all’intesa spirituale". Aung San Suu Kyi ha detto, nell’apertura del suo intervento, di essere particolarmente felice di avere rivisto la senatrice Albertina Soliani e molte persone che le sono state vicine in passato.

“Ho apprezzato molto – ha detto – il calore e l’amicizia che la città di Parma mi ha dimostrato. Sono commossa e toccata dal fatto che mi hanno accolto tanti bambini diversi per etnia e credo religioso. Questo fa parte del grande progetto che si chiama integrazione promosso da Parma per unire mondi distanti. E penso di essere parte di voi in questo progetto volto a mettere assieme  mondi che si distinguono per diverse ragioni, anche per opinioni politiche distanti. Ho sentito questa mattina dal telegiornale che la disoccupazione giovanile in Italia rappresenta oggi un grave problema. Anche in Birmania lo è. Si tratta di una questione molto rilevante che si collega all’autorealizzazione di ciascuno. Essere soddisfatti di sé è importante. Per questo c’è bisogno di dare una risposta a tutto ciò, una risposta che non può esulare dai valori sociali e spirituali che ci sostengono in questo percorso. Ho sentito i rintocchi delle campane, questa mattina. E penso, al di là delle singole religioni, che tutte aiutino l’uomo ad andare verso un compimento spirituale che vada oltre gli aspetti materiali. Solo attraverso la comprensione e l’intesa, anche spirituale, potremo essere uniti assieme”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente del consiglio comunale, Marco Vagnozzi, che ha aperto la seduta, l’ha chiusa ringraziando l’ex consigliere comunale Marco Ablondi ed il sentore Giorgio Pagliari per la proposta presentata a suo tempo di assegnazione della cittadinanza onoraria di Parma ad Aung San Suu Kyi. Le note di "Va’, pensiero" hanno accompagnato il Nobel nel suo congedo sotto i portici del Grano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento