Ausl e Caritas insieme: nasce il punto di ascolto sanitario per le situazioni di disagio

Oggi, con la firma del protocollo di intesa tra Azienda USL e Caritas diocesana di Parma, prende forma la collaborazione tra i due Enti, dando il via a pieno ritmo al punto di ascolto sanitario, aperto l’estate scorsa in città, in vicolo del Vescovado. Obiettivo dell’accordo è migliorare la capacità di farsi carico dei bisogni sanitari dei migranti e, più in generale, delle persone in situazione di disagio. I professionisti sanitari volontari di Caritas diocesana presenti nel neo servizio sono disponibili per una prima valutazione dello stato di salute della persona accolta, per garantire educazione sanitaria e prevenzione, organizzata anche per piccoli gruppi non solo individuale, e per proporre, quando necessari, percorsi diagnostico terapeutici presso i servizi dell’AUSL, in particolare il servizio di medicina delle migrazioni. Questo servizio, infatti, già funziona da filtro e da primo accesso alla rete assistenziale, garantendo attività sanitaria di base, screening delle principali patologie infettive e cronico-degenerative, assistenza infermieristica e psicologica per i rifugiati, orientamento ad altri servizi sanitari, secondo la normativa che regola l’accesso dei cittadini al Servizio Sanitario Regionale. Il punto di ascolto sanitario è aperto il martedì dalle 9.30 alle 12 e il venerdì dalle 15 alle 18. I professionisti ricevono anche su appuntamento, previo accordo telefonico al numero 0521.234765 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 12. I professionisti che hanno aderito al progetto sono 19. Sono medici specialisti in cardiologia, pneumologia, pediatria, medicina di base, ematologia, chirurgia, radiologia, infettivologia e oncologia. A questi si aggiunge un’ostetrica. In questa prima fase di avvio, da giugno ad oggi, è stato fatto un monitoraggio sanitario delle persone già seguite da Caritas nelle proprie strutture; al punto di ascolto si sono rivolte circa 20 persone.

Maria Cecilia Scaffardi: "Oggi, con la firma del protocollo di intesa con l’Azienda USL, l’attività del punto di ascolto sanitario prende piena forma. Non si tratta di un servizio che sostituisce quanto già è presente sul territorio, bensì si affianca ai servizi già attivi. Tra gli obiettivi di Caritas c’è anche l’accoglienza delle persone nella loro globalità, anche quando c’è un problema sanitario, intrecciato ad un disagio sociale. Siamo quindi accanto ai servizi già esistenti, per favorire e migliorare l’accesso alle cure. Fondamentale in tal senso la collaborazione, in particolare, con i professionisti dello Spazio Salute Immigrati dell’AUSL. Un grazie ai professionisti volontari, che mettono a disposizione il loro tempo e la loro competenza".

Elena Saccenti: "La firma di oggi sancisce una collaborazione già in essere, ancor prima dell’apertura del punto di ascolto sanitario. Con Caritas condividiamo un obiettivo: farci carico dei bisogni di salute delle persone, nel loro contesto di vita, con le loro difficoltà. La collaborazione sancita dal protocollo di intesa consente di accompagnare queste persone nei percorsi di assistenza e cura, nonché di educazione sanitaria e prevenzione. Mi associo alla Direttrice di Caritas, nel ringraziare i medici volontari". 

Erano presenti alcuni Medici volontari: Maria Lodovica Maffei (cardiologa); Roberto Capra (pneumologo); Brunetta Fanti (anestesista); Angelo Rolli (cardiologo); Alessio Alfieri (medicina generale); oltre al vice presidente di Fondazione Caritas Giovanni Vinci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento