Rubava auto, metteva targa falsa e le destinava all'estero: in manette

5 arresti in 2 giorni il bilancio delle Volanti, che hanno assicurato alla giustizia due nigeriani per detenzione illecita, due studenti leccesi per spaccio in abitazione e un uomo per riciclaggio e ricettazione auto con targa falsa dirette all'estero

Cinque arresti in due giorni, questo il bilancio delle operazioni delle Volanti tra il 27 e il 28 aprile scorso.

RICETTAZIONE E RICICLAGGIO AUTO CON TARGHE FALSE - E' finito in manette per un'attività che, presumibilmente, svolgeva da tempo con una precisione che però, questa volta, non ha tenuto conto di un particolare decisivo per inchiodarlo, il rilevamento satellitare delle auto. Si tratta di L.F., 51enne pregiudicato sorvegliato speciale con alle spalle numerosi precedenti che spaziano da reati contro il patrimonio a associazione a delinquere. Nel suo garage, grazie alla rilevazione arrivata alla centralina e segnalata alla Polizia dal titolare della ditta di antifurti satellitari, è stata trovata una Fiat 500 nuova, risultata essere rubata il giorno precedente a Traversetolo.

Dai controlli all'interno dell'ampio garage, è stata trovata un'altra Fiat 500 nuova, rubata questa volta a Noceto. Dai controlli è stato individuato il proprietario del garage e ricostruita la vicenda che lo stesso L.F., confessando ha confermato. L'uomo rubava le auto, per poi apporre targhe false tedesche di tipo provvisorio con la data di scadenza. Le auto, una volta sostituita la targa, erano destinate all'estero. A conferma della pratica in una delle vetture era ancora presente la targa originale poggiata nei sedili. Presumibilmente F.L. praticava l'illecito da tempo e non da solo, si tratta però di elementi ancora al vaglio degli inquirenti. L.F. aveva anche una centralina elettronica che gli permetteva con facilità di intervenire sull'accensione usando anche una sorta di chiave per mettere in moto la vettura. Per riciclaggio, violazione del permesso di vigilanza, ricettazione e violazione degli obblighi di sorveglianza speciale F.L. è stato tratto in arresto e ora si trova nel carcere di via Burla.

ARRESTI PER DETENZIONE ILLECITA - In pieno giorno, il 27 aprile scorso gli agenti hanno notato due cittadini nigeriani mentre a bordo di un'auto conversavano con due persone, per poi dileguarsi alla vista della Polizia e gettare dal finestrino un involucro di marijuana, 8 grammi. Seguiti e fermati nella fuga poco dopo all'altezza di Piazzale Barbieri, i due, di 27 e 24 anni, avevano anche 5 cellulari. Dai controlli è inoltre emerso che viaggiavano su una vettura rubata nel 2012 a un loro connazionale. A causa dei precedenti specifici e per la fuga rocambolesca sono stati arrestati per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento