menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autobus, la denuncia di uno studente disabile: "Accessibilità non garantita"

La faticosa esperienza con i mezzi della Tep di uno ragazzo in sedia a rotelle, originario della Puglia che si è trasferito qui anche per trovare condizioni e strumenti migliori: "Le pedane non funzionano".

Uno studente disabile racconta la faticosa esperienza i a Parma con gli autobus della Tep: pedane non funzionanti, autisti che non sono in grado di attivarle, in generale una scarsa attenzione nei confronti delle tematiche realtive alla disabilità. Vito, originario della Puglia, si è trasferito a Parma per frequentare la Facoltà di Ingegneria con la speranza di trovare, nel Nord produttivo e soprattutto a Parma, delle politiche per i disabili migliori di quelle del suo piccolo paese d'origine. Ma al termine del primo anno di corso di studi il suo bilancio è di delusione.

"Ieri sono andato un pò in giro per fare delle commissioni, utilizzando gli autobus urbani della Tep, tra i quali molti hanno l'indicazione sulla possibilità di accedere per i disabili - si legge in una lettera inviataci. In realtà ho notato che nell'organico degli autobus ci sono delle grosse mancanze perchè le pedane non erano funzionanti e quindi l'accesso non mi era garantito. Inoltre molti autisti non sapevano come far funzionare le pedane. Solo la buona volontà di alcune persone, che mi hanno aiutato a salire, mi ha permesso di prendere il pullmann. Nei giorni scorsi ho preso le linee 23, 21, 7 e 5. Sono uno studente di ingegneria informatica al primo anno a Parma: sono venuto quì dalla Puglia per trovare condizioni migliori anche per la mia disabilità.


Ho invece visto dei punti in comune con il Sud, che viene spesso additato come la zona del Paese meno avanzata. Anche qui vedo mancanza di supporti e scarso interesse a chi ne avrebbe bisogno, come noi disabili. Il problema principale è che se anche se vi sono gli strumenti per migliiorare le condizioni di vita dei disabili questi non vengono utilizzati, o meglio non sono funzionanti anche per incapacità di utilizzo. Mi aspettavo molto di più da una città come Parma, in Italia il discorso dei disabili è poco sentito. Anche se nella giunta di Parma vi è responsabile delle politiche per i disabili non vengono attuate tutte le norme che bisognerebbe attuare. Forse sarebbe bene che, prima di vantare politiche eccellenti a livello nazionale, si provvedesse a ripristinare le pedane sugli autobus per garantire l'accesso ai disabili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento