menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autodetector: in meno di un mese bloccati altri 33 veicoli in fermo amministrativo

Dopo una breve interruzione per motivi organizzativi e a necessità di aggiornamenti migliorativi del programma di gestione, l’attività in strada con l’Autodetector è ripresa in modo sistematico dal 19 Maggio

Lo strumento, tornato operativo con rinnovata efficienza, dalla metà di maggio ha effettuato il  monitoraggio delle vie cittadine alla ricerca di veicoli circolanti nonostante i fermi amministrativi  dovuti al mancato pagamento di sanzioni al codice della strada rintracciando in meno di un mese  di attività 33 veicoli gravati da fermi amministrativi per un totale di debito complessivo verso il  Comune di Parma di 230 mila euro. Di  questi veicoli, 8 sono stati direttamente pignorati dall’Ufficiale di Riscossione di Parma  Gestione Entrate e verranno messi in vendita dall’ Istituto Vendite Giudiziarie per cercare di  rientrare almeno parzialmente del debito complessivo accumulato di 88 mila euro. 

Altri 4 conducenti e proprietari di automobili, fermati in circolazione e con la concreta possibilità di perdere la proprietà dell’automezzo, hanno raggiunto un accordo in strada con l’ufficiale di riscossione per il rientro immediato o scaglionato del debito in questo caso risultante complessivamente di 28 mila euro. Dei veicoli rintracciati, 20 risultavano scoperti da assicurazione e, di questi, 10 sono stati posti sotto sequestro; per i rimanenti sono state avviate le pratiche per la demolizione in quanto risultanti in pessime condizioni, quindi tali da creare allarme sociale. Sempre nello stesso periodo, sono stati 7 i casi di autoveicoli in circolazione non sottoposti alla revisione periodica.

Inoltre nell’ambito dell’attività sono stati rintracciati 5 veicoli in circolazione presentanti tagliandi assicurativi all’apparenza veri, che però non hanno ingannato l’occhio esperto degli agenti che, anche con l’ausilio di idonea attrezzatura, hanno evidenziato anomalie tali da farne presupporre la falsificazione. I contrassegni sono stati sequestrati, i conducenti o proprietari denunciati per contraffazione e uso di falso certificato amministrativo e gli autoveicoli tolti dalla circolazione. 

Riassumendo, da gennaio 2014, momento di inizio dell’attività con l’Autodetector, questi sono i risultati ottenuti: 23 sono complessivamente gli autoveicoli oggetto di pignoramento che avevano accumulato debiti verso il comune per un totale di 445.000 €; 39 i veicoli in circolazione statica o dinamica scoperti da assicurazione; 11 i veicoli in circolazione privi della revisione periodica; 41 veicoli, non pignorati a causa delle pessime condizioni, sono stati sequestrati o tolti dal suolo pubblico attraverso le procedure di legge; 7 i conducenti di veicoli stranieri fermati e identificati che avevano accumulato debiti con il Comune per un totale di 63 mila euro. L’identificazione consentirà di addebitare le multe prese e non pagate ai rispettivi proprietari o conducenti abituali: 8 le denunce effettuate a carico di cittadini fermati nell’ambito dell’attività con lo strumento. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento