menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Conferenza stampa sull'autodetector in aiuto al trasporto pubblico

Conferenza stampa sull'autodetector in aiuto al trasporto pubblico

Autodetector per la viabilità, Casa: “Servizio per le corsie prefereziali dei bus”

Dopo i risultati positivi dei primi due mesi di utilizzo, si pensano nuove applicazioni per l'autodetector, per sanzionare le violazioni del codice e monitorare le corsie preferenziali di bus e filobus. Nel mirino sosta selvaggia alla movida e al Barilla

Risultati positivi quelli raggiunti nei primi due mesi dall’autodetector in aiuto al trasporto pubblico secondo quanto sottolineato stamane dall’assessore Cristiano Casa nel corso di un incontro con la stampa alla presenza dell’assessore Gabriele Folli, del Comandante della Municipale Gaetano Noè e del direttore tecnico e di esercizio Tep Luciano Spaggiari. Grazie all’autodetector sono stati individuati evasori fiscali che viaggiavano su auto con debiti per multe non pagate che si aggiravano a 60mila euro complessivi. A causa dei debiti contratti per multe non pagate per un totale di 358 mila euro sono stati pignorati 26 veicoli, di cui 10 viaggiavano senza assicurazione e 6 non avevano effettuato la revisione. Tra i veicoli pignorati ci sono numerose auto di elevata cilindrata, tra cui bmw 530 cabrio, Jeep grad Cherokee, Alfa Romeo 159. Individuate anche 26 auto su cui gravavano fermi per 75 mila euro totali, che però non sono state pignorate a causa delle condizioni. Grazie all’utilizzo dell’autodetector sono state denunciate  5 persone per assenza di assicurazione o contraffazione ed emesse 78 contravvenzioni.

Uno strumento utile, secondo quanto ribadito nel corso della conferenza stampa dal comandante Noè, anche per verificare l’autenticità dei documenti grazie a strumentazioni tecnologiche apposite. Proprio in virtù dei risultati raggiunti, l’obiettivo è quello di ampliare gli usi possibili dell’autodetector in particolare per la viabilità, con un monitoraggio delle corsie preferenziali e dei percorsi di bus e filobus per sanzionare le violazioni di mezzi che intralciano il traffico e impediscono il passaggio dei bus. “Contiamo di avviare il progetto già tra due settimane”, ha sottolineato Casa che annuncia anche il via di una comunicazione preventiva soprattutto tra i commercianti delle vie più sensibili a problemi di viabilità e sosta vietata, come strada Repubblica, via D’Azeglio e via Garibaldi. Tra gli obiettivi a lungo termine anche il posizionamento dell’autodetector sui bus, per controllare e sanzionare i transiti abusivi. Nel mirino la movida e punti sensibili per la sosta selvaggia come il Barilla Center: l’autodetector potrà permettere di sanzionare le violazioni in modo più veloce e snellendo l’impegno degli agenti della Municipale.

Tra gli obiettivi proprio quello di ottimizzare il lavoro della Municipale snellendo pratiche burocratiche in favore della disponibilità di maggiori risorse su strada. “Ci sarebbe un minore lavoro non solo nell’emettere le multe ma anche nel lavoro di back office – ha sottolineato l’assessore Folli -,ciò significa liberare risorse da utilizzare per andare incontro alle istanze dei cittadini. Ad esempio per presidiare la velocità elevata nelle frazioni del comune di Parma, ci arrivano numerose segnalazioni per la richiesta di un maggiore controllo, in questo modo sarebbe possibile dedicarsi maggiormente a attività al servizio dei cittadini”. In futuro si pensa anche di adeguare le strumentazioni per utilizzarle nella rilevazione di infrazioni stradali statiche e dinamiche e anche per effettuare controlli adeguando le strumentazioni per collegarle alle banche dati dei veicoli circolanti privi di assicurazione messe a disposizione dalla Polizia. Tra gli intenti quello di puntare a un risparmio senza gravare sui servizi offerti, calcolando un risparmio di 500mila euro all’anno con un aumento di velocità dei bus in modo da rendere più agevole il servizio e tagliare due mezzi.  “Stiamo valutando con la Tep la possibilità di far si che sia possibile accertare le sanzioni dal personale dell’azienda dotato di particolari strumentazioni apposite che potrebbero essere allestite sui bus, seguendo l’esempio di città come Torino”, ha sottolineato il comandante della Municipale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento