Autovelox e auto detector: 18 automobilisti pescati in fallo

Con l'auto detector  sono  state sanzionate una Ford che circolava in tangenziale senza revisione al veicolo per due volte, una Mercedes in fermo amministrativo per un debito di 1.500 euro con Parma Gestione Entrate, ed è stata sequestrata una Citroen mai revisionata

Durante lo svolgimento dei servizi con accertamenti strumentali su irregolarità alla circolazione (auto detector), svolti la settimana dal 13 al 18 luglio, gli agenti della Polizia Municipale hanno redatto 5 sanzioni, in particolare è stato fermato un veicolo che circolava senza copertura assicurativa nonostante l'auto fosse già sottoposta a sequestro amministrativo. in merito agli accertamenti specifici sulla velocità sono state effettuate 5 postazioni mobili di autovelox e rilevate 13 infrazioni.

Nel dettaglio, con l'auto detector  sono  state sanzionate una Ford che circolava in tangenziale senza revisione al veicolo per due volte, una Mercedes in fermo amministrativo  per un debito di 1.500 euro con Parma Gestione Entrate, ed è stata sequestrata una Citroen mai revisionata e già sottoposta a sequestro amministrativo per mancata copertura assicurativa, con conseguente ritiro e sospensione della patente di guida. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le postazioni degli autovelox sono state collocate in via Sidoli e Viale Martiri della Libertà senza rilevare infrazioni, a Gaione (una infrazione), a San Ruffino (3 infrazioni) e a San Pancrazio, dove gli autisti con il piede troppo pesante pescati dall'autovelox sono stati 9, per un totale di 13 automobilisti multati per eccesso di velocità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • "Chi non è residente deve lasciare l'abitazione": a Parma la truffa del falso avviso del Ministero dell'Interno

Torna su
ParmaToday è in caricamento