Cronaca Sorbolo

Baby gang in azione contro un minorenne, tra bullismo, estorsione e minacce sui social: 16enne in manette

Il giovane ghanese fa parte di un gruppetto di 16enni che girovagano per Parma: aveva chiesto al minore 140 euro in cambio di 'protezione' e su Facebook gli aveva scritto: "Veniamo a Sorbolo" con la foto della stazione e le immagini di coltelli

Per mesi lo ha bullizzato, umiliandoli davanti ai compagni di classe. Poi, finite le lezioni scolastiche, non ha smesso ed ha iniziato a chiederli soldi in campo di 'protezione'. Un giovane 16enne di origine ghanese è stato arrestato dai carabinieri di Sorbolo con l'accusa di estorsione nei confronti del minore, diventato la vittima prescelta per i suoi atti violenti e di bullismo. A partire dal mese di aprile del 2019 infatti il giovane ghanese ha iniziato a prendere di mira un suo coetaneo italiano di 16 anni, prima con la violenza - pochi mesi prima infatti lo aveva strattonato - e poi con le minacce ed i condizionamenti psicologici, fino alla richiesta di denaro.

Il 16enne italiano ha sborsato 140 euro al ghanese: un'estorsione in piena regola che è stata denunciata ai militari. Il ghanese, che ha alle spalle una storia difficile in famiglia, fa parte di un gruppetto di ragazzini di 15 e 16 anni che girovagano per la città di Parma. La vittima veniva intimorita anche tramite i social network: "Stiamo arrivando a Sorbolo" era uno dei messaggi mandati al 16enne, con tanto di foto della stazione modificata con alcuni coltelli. Le minacce sono proseguite anche dopo la fine della scuola. I genitori della vittima si sono accorti che mancavano dei soldi e il giovane ha raccontato tutto. Da lì sono state avviate le indagini ed il 16enne, dopo essere stato identificato, è stato arrestato per estorsione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby gang in azione contro un minorenne, tra bullismo, estorsione e minacce sui social: 16enne in manette

ParmaToday è in caricamento