menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bullismo giovanile. Vertice in Prefettura, Viana: 'Vogliamo trovare sinergie efficaci"

Dopo il pestaggio di un 15enne in via Gramsci incontro in Prefettura tra le Istituzioni e il Prefetto Viana. Paci: "Inizia oggi un percorso volto alla mappatura dei servizi esistenti che sono già erogati da Comune e dall'Ufficio scolastico provinciale"

Studiare misure efficaci per contrastare il tema del disagio giovanile, è stato questo il tema al centro dell’incontro, convocato stamattina dal prefetto Luigi Viana, a palazzo Rangoni, dopo che nei giorni scorsi si è registrato un altro episodio increscioso che ha visto un quindicenne assalito e pestato da cinque coetanei tra via Gramsci e viale Osacca.

L’incontro ha visto coinvolte le massime autorità a livello locale a partire dal sindaco Federico Pizzarotti, dal vicesindaco Nicoletta Paci e dall’assessore alla sicurezza Cristiano Casa. Erano presenti, con loro, il questore Giuseppe Racca, il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Carlo Cerrina, Pietro Pellegrini direttore del Centro salute mentale dell’Ausl di Parma, Giovanni Desco dirigente scolastico provinciale, don Paolo Salvadori delegato diocesano per i giovani, Sauro Fontanesi responsabile della struttura operativa tutela dalla città del corpo di polizia municipale e Anna Fragni del settore politiche giovanili del Comune.

“Inizia oggi un percorso – ha spiegato il vicesindaco Nicoletta Paci, a margine dell’incontro – volto alla mappatura dei servizi esistenti che sono già erogati da Comune e dall’Ufficio scolastico provinciale, in un rapporto di stretta collaborazione con la Prefettura, allo scopo di creare sinergie utili per fornire risposte concrete ad una problematica che è già all’attenzione delle istituzioni ma che intendiamo affrontare in modo coeso. Il nostro obiettivo primario è ottenere risultati concreti per i cittadini”.

Il prefetto, Luigi Viana, che ha convocato l’incontro, si è espresso in termini molto netti. “A fronte del grave episodio che si è verificato nei giorni scorsi – ha spiegato – vogliamo trovare sinergie efficaci per affrontare una problematica che coinvolge diversi soggetti: istituzioni, scuola, giovani, associazioni e famiglie. E’, per questo, necessario operare su vari livelli per coinvolgere tutti coloro che operano in questo ambito per programmare iniziative efficaci che incidono sul mondo giovanile. Il tavolo – ha proseguito – rappresenta un momento di riflessione e di approfondimento per definire modalità operative concrete per arginare il fenomeno del disagio giovanile”.

Nei giorni scorsi lo stesso primo cittadino, Federico Pizzarotti, aveva preso posizione in merito alla vicenda con una lettera aperta alla città in cui aveva definito il “bullismo come un male per la nostra società ed un nemico da vincere”, attraverso l’impegno delle istituzioni ed il coinvolgimento di famiglie e mondo della scuola.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento