menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"I giovanissimi di Parma tra alcool, fumo, droga e furti ma nessun fenomeno baby gang"

Parlano i minorenni che si ritrovano in massa nelle vie centrali il sabato pomeriggio: "Non è giusto strumentalizzare tutta una generazione di ragazzi e di ragazze solo perchè qualcuno si comporta male"

Dopo gli episodi di cronaca, i raid nei negozi, le denunce dei commercianti del centro storico e le retate delle forze dell'ordine nelle vie più centrali della città abbiamo deciso di scendere in quelle strade e di parlare con qualcuno dei ragazzini che, soprattutto il sabato pomeriggio, stazionano in centro storico, dal primo pomeriggio e fino alle prime ore della sera. C'è stata sicuramente qualche difficoltà nell'approccio con loro; un pò perchè la diffidenza nei confronti dei giornalisti è forte, un pò perchè si è creato un gap generazionale, nei modi di esprimersi e nel linguaggio, che rende difficile l'interazione. Dopo qualche giro nelle vie più calde un ragazzino di 16 anni ha deciso di parlare con noi. Luca, nome ovviamente di fantasia, ci parla di come vive lui i pomeriggi in centro e di come, secondo la sua visione, tutto viene strumentalizzato. La maggior parte dei ragazzi, dice lui, si ritrova in centro per vedere gli amici e qualche volta si tende magari ad esagerare con l'alcool ma quelli che si accaniscono contro i negozi sono pochi: "Non facciamo facili semplificazioni - parlare di baby gang a Parma è assurdo. Io ho visto i video delle vare bay gang e ti assicuro che se pensi a Parma ti viene da ridere. Non è giusto strumentalizzare tutta una generazione di ragazzi e di ragazze solo perchè qualcuno si comporta male". La verita di Luca è sostanzialmente questa:

"E' il nostro posto, un luogo di ritrovo: abbiamo diritto di vivere in questa città" 

"Il clima d'odio che oggi c'è in città non è stato creato solo da noi, intesi nel senso di giovani ragazzi che animano il centro ma anche da chi soffia sul fuoco per qualche episodio di cronaca, furti e altro. Io non dico che siano legittimi i furti ma stiamo parlando più che altro di caramelle e poco più. Non capisco perchè se un episodio di questo tipo è colpa delle baby gang se invece avviene in piazzale Pablo si parla solo di ladri". Il nostro interlocutore ha una visione diversa da quella che esce nelle cronache dei giornali: "Non nego che certi comportamenti possano dare fastidio ma per noi quello è il nostro posto, un luogo di ritrovo. Ci teniamo in qualche modo ad avere il controllo di ciò che succede: abbiamo il diritto anche noi di vivere in questa città, siamo in tanti e non capisco la criminalizzazione. Poi, come ripeto, se avviene un furto in via Mazzini si grida alle baby gang, se viene in via Montanara invece no". 

"Fumare, bere ed approcciare le ragazze: solo in pochi fanno i furti" 

"Ti racconto un nostro sabato pomeriggio, niente di entusiasmante, nessun racconto da baby gang. Ti assicuro che quelli non sono come noi. Spesso ci troviamo in centro: molti di noi arrivano in autobus anche da fuori Parma, dai paesi della provincia. Ma non è che ci mettiamo d'accordo per vederci tutti insieme: ho letto sui giornali che ci contano addirittura, il sabato pomeriggio saremo 1.500!. Ognuno ha il suo giro di amici e di compagni di scuola: c'è di tutto. Ragazzi italiani, stranieri, ragazze e qualche ragazzo maggiorenne, un pò più grande che si ritrova ancora in centro con la sua compagnia. Ascoltiamo la musica, fumiamo, guardiamo le ragazze e cerchiamo di approcciarle, beviamo come fanno tutti. Per noi il sabato pomeriggio è un'occasione unica per tutte queste cose: ci divertiamo e non pensiamo certo di far parte di qualche fantomatica banda di strada. Ci sono alcuni che, oltre a fumare e bere, vanno oltre: puoi trovare del fumo o dell'erba se vuoi ma anche altro a volte. C'è qualcuno che si diverte a rubare nei bar e a danneggiare le cose ma io non mi riconosco in questi comportamenti: però sono un esigua minoranza. La maggior parte di noi vuole solo prendersi e vivere nel proprio spazio, stare sereno, bere e fumare senza che nessuno rompa troppo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento