Bambino sottratto, il Garante: "Violato l'art 16 della Convenzione delle Nazioni Unite"

Il Garante nel documento segnala “il caso” anche al procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Parma “per l’ipotesi che nell’avvenuta divulgazione ravvisi reati perseguibili di ufficio di sua competenza”

L’enfasi riservata dai media nazionali, locali e online alla vicenda del minore di Parma “coinvolto in un contenzioso familiare che si protrae da molti anni con recenti e ulteriori eventi”, oggetto "di pubblicazioni, foto e video del minore e interviste televisive dove è stato annunciato che seguiranno altre puntate sul caso”, è al centro di un documento del Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, Luigi Fadiga, che ha segnalato “la violazione in corso dell’articolo 16 della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del fanciullo”. Fadiga raccomanda quindi “agli organi professionali competenti e ai responsabili delle testate giornalistiche e televisive interessate di intervenire con prontezza per far cessare questa violazione”.

Il Garante nel documento segnala “il caso” anche al procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Parma “per l’ipotesi che nell’avvenuta divulgazione ravvisi reati perseguibili di ufficio di sua competenza”. “L’esposizione mediatica e la conseguente forte pressione” costituiscono - scrive - “un’aperta violazione” dell’articolo 16 citato, “in base al quale la persona di minore età ha diritto a non essere oggetto di interferenze nella sua vita privata”.

In applicazione di questo principio, si legge ancora nel testo, “sono stati da tempo sottoscritti precisi impegni da parte degli organismi professionali degli operatori dei mass media, tra cui la carta di Treviso, il Codice di autodisciplina della comunicazione commerciale e la recentissima Carta di Milano per il rispetto delle bambine e dei bambini nella comunicazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Garante ha infine disposto che il testo del documento sia inviato al sindaco e all’assessore ai Servizi sociali del Comune di Parma; al presidente e procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Parma; al giudice tutelare di Parma; all’Ordine degli avvocati di Parma; al presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna; al direttore dell’agenzia Ansa; alle testate giornalistiche e televisive tramite il servizio Informazione e comunicazione della Regione Emilia Romagna; alla presidenza della Regione Emilia-Romagna e, per conoscenza, al presidente del Tribunale per i minorenni di Bologna; al procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna; al presidente del Corecom dell’Emilia-Romagna e all’Autorità garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento