Fallimenti 'pilotati' nei trasporti, da Reggio Calabria a Parma: 4 fermi in città

L'operazione della Guardia di Finanza è in corso tra Reggio Calabria e Parma: 5 persone sono accusate di appartenere ad una presunta associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta ed a reati tributari

AGGIORNAMENTI. Portavano alla decozione rilevanti società operanti su scala nazionale ed europea nel settore dell'autotrasporto, conservando il controllo degli asset aziendali grazie a vorticose ed illecite operazioni di successioni societarie e con una tenuta delle scritture e dei libri contabili tale da non rendere possibile la ricostruzione delle reali dinamiche d'impresa, garantendo di fatto un'illecita continuità aziendale. E' questa l'accusa contestata dalla Procura di Reggio Calabria a cinque persone sottoposte a fermo stamani dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Reggio Calabria che hanno anche sequestrato beni per 25 milioni. L'inchiesta, coordinata dal procuratore di Reggio Federico Cafiero De Raho e diretta dal procuratore aggiunto Ottavio Sferlazza e dal pm Stefano Musolino, ha preso il via dal fallimento di quattro società, tutte con sede legale a Reggio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per far ciò gli indagati hanno portato a termine una serie di vendite e locazioni fittizie di beni strumentali e cessioni mezzi in leasing, con lo scopo di impedire ai terzi qualunque azione creditizia e di sottrarre il patrimonio aziendale alla massa fallimentare. Inoltre, secondo l'accusa, sono stati alterati i bilanci attraverso quello che è stato definito un vero e proprio "doping amministrativo" ed è stato trasferito a Parma il centro di interessi degli indagati per ostacolare gli accertamenti.

Un'operazione dei militari del Nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Reggio Calabria è in corso per l'esecuzione di un provvedimento di fermo emesso dalla Procura nei confronti di 5 persone. Sono accusate di appartenere ad una presunta associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta ed a reati tributari, operativa nel settore dei trasporti anche per importanti e note aziende del nord Italia, tra le province di Reggio Calabria e Parma. In corso anche numerose perquisizioni e sequestri per complessivi 25 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento