menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inseriscono banconote Facsimile nel cambiamonete: due indagati per furto aggravato in concorso

I due uomini, rispettivamente di 25 e 56 anni, avevano inserito 10 banconote false da 20 euro in un cambiamonete di una sala slot di Parma, fuggendo poi via alle domande del titolare del locale. Sono stati poi fermati a Brescia dalla polizia che li ha colti sul fatto mentre tentavano il colpo in un bar.

Indagati in stato di libertà per il reato di furto aggravato in concorso A. D. V.  e M. Z., rispettivamente di 25 e 56 anni, residenti a Napoli, che avevano tentato un colpo in una sala giochi della periferia di Parma cambiando banconote false per denaro vero. La vicenda era iniziata il 12 gennaio scorso quando il titolare della san giochi aveva notato i due - mai visti prima nel suo locale - che stazionavano davanti alla macchina cambiamonete per molto tempo. A quel punto l’uomo si era avvicinato ai due che però si erano divisi e mentre uno si era spostato su di una slot iniziando a giocare, il secondo era andato incontro al titolare ponendogli alcune domande banali.

In seguito il titolare della san slot aveva notato che i due avventori erano nuovamente accanto al cambiamonete e mentre si dirigeva nuovamente verso di loro, questi andavano frettolosamente verso l’uscita del locale salendo a bordo di una autovettura della quale però il titolare aveva rilevato marca modello e targa. La macchina è risultata poi essere stata presa a noleggio dai due, ma nel frattempo l’uomo era rientrato nel locale e aveva aperto il cambiamonete al quale i due avventori sembravano particolarmente affezionati. Con suo stupore aveva constatato che le ultime 10 banconote inserite erano tutti 20 euro palesemente falsi, privi del numero di serie e con la scritta FACSIMILE. 

Il titolare della sala slot a quel punto aveva richiesto l’intervento della polizia che era giunta sul posto acquisendo le immagini delle telecamere che ritraevano i due malviventi e aveva sequestrato le 10 banconote false.

In seguito l’uomo si era presentato in Questura per sporgere denuncia per il furto dei 200 euro, subito mediante l’introduzione all’interno del cambiamonete delle dieci banconote false.

Da quel momento gli investigatori della sezione Antirapine avevano dato il via alle indagini facendo accertamenti sulla targa dell’autovettura utilizzata dai due. L’auto era stata affittata da A. D. V. e M. Z. a Potenza. I due, inoltre erano già gravati da diversi precedenti penali, per reati contro il patrimonio. Per i ladri l’avventura non è durata molto perché sono stati fermati il 20 gennaio dalle volanti di Brescia, che li hanno colti sul fatto mentre tentavano di inserire alcune banconote false in un cambiamonete all’interno di un bar, reinserendo poi la moneta in un altro macchinario, ottenendo banconote autentiche. Le immagini dei due sono state confrontate con quelle della san slot di Parma per avere l’assoluta certezza che si trattasse delle stesse persone. 

Sempre in materia di banconote false la polizia mette in evidenza che già dal 2014, i gestori di locali pubblici e di ditte di noleggio videogiochi avevano presentato denuncia in Questura lamentando il fatto di aver rinvenuto all’interno dei cambiamonete banconote false, anche da 50 euro, tutte recanti la scritta FACSIMILE, prive di numero di serie e su alcune era presente anche un scritta pubblicitaria.

Evidentemente queste banconote recano gli elementi essenziali per trarre in inganno i lettori dei cambiamonete.

In caso di controllo da parte della polizia, il relativo possesso non è punibile in quanto trattasi di “falso grossolano” che non può indurre in errore nessuno, se non una macchina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Cronaca

    Covid, tornano a crescere i casi: 77 contagi e due morti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento