Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Centro / Strada Aurelio Saffi

Spendono banconote false in un ristorante di via Saffi: fermati in due

Un parmigiano e un colornese di 30 e 23 anni sono stati denunciati dai carabinieri che nelle loro abitazioni hanno trovato più di mille euro di soldi falsi. In via Mazzini arrestato un ladro di profumi

Carabiniere mostra una banconota falsa

Hanno prima cenato e poi pagato regolarmente il conto. Nulla di strano se il titolare del ristorante di via Saffi, nella serata di ieri, non si fosse accorto che tra le banconote c'era anche un pezzo da 20 euro falso. A quel punto il ristoratore ha chiamato i carabinieri che, giunti sul posto, hanno identificato P.L. e F.V., rispettivamente di 30 e 23 anni e residenti a Colorno e Parma. Hanno quindi chiesto ai due di perquisire le loro abitazioni e qui i militari hanno rinvenuto oltre 1000 euro di banconote false e mezzo grammo di eroina. I due giovani sono stati denunciati per il reato di spendita di banconote falsificate e uno dei due è stato segnalato alla Prefettura di parma quale assuntore di sostanze stupefacenti.

RUBA PROFUMI IN VIA MAZZINI: ARRESTATO
Sempre ieri sera, presso un negozio di abbigliamento e cosmetica di via Mazzini, all’orario di chiusura, i responsabili della sicurezza hanno sorpreso un cittadino straniero mentre superava i dispositivi antitaccheggio portando via con tre confezioni di profumo senza averle pagate, per un valore complessivo di 200 euro. L’uomo, N. M. tunisino del 1981, già pregiudicato, all’intimazione di fermarsi degli uomini della sicurezza acconsentiva a seguirli nel loro ufficio per verificare il contenuto della sua borsa. Tuttavia, dopo aver ascoltato la richiesta d’intervento al 112 per procedere al suo controllo completo, andava in escandescenza fuggendo dal locale. I militari giunti sul posto si imbattevano proprio in lui, riuscendo a bloccarlo solo dopo aver subito una sua energica resistenza per alcuni minuti. Successivamente sottoposto a perquisizione personale veniva trovato in possesso dei tre profumi rubati e pertanto è stato arrestato per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Ora si trova presso il carcere di Parma in attesa del processo a suo carico con rito per direttissima.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spendono banconote false in un ristorante di via Saffi: fermati in due

ParmaToday è in caricamento