menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladro latitante 46enne non resiste al selfie su Facebook, sgominata banda: tre arresti

Le indagini sono partite dopo un furto in abitazione avvenuto a Forlì in ottobre: il capo dell'organizzazione era evaso dai domiciliari a Salsomaggiore e si era reso irreperibile ma aveva continuato ad usare i social network. I poliziotti hanno fatto un blitz in un'abitazione in centro a Parma che funzionava come base operativa

E' evaso dall'abitazione della sorella a Salsomaggiore Terme, luogo in cui avrebbe dovuto scontare una pena agli arresti domiciliari, ma ha continuato a pubblicare foto su Facebook e a farsi i selfie in vari luoghi, nonostante si fosse reso irreperibile dopo l'evasione, avvenuta il 27 settembre del 2017. Un 46enne, le cui iniziali sono D.M. è stato arrestato dai poliziotti della Squadra Mobile di Parma che, insieme ai colleghi della Questura di Forlì, hanno portato a termine un'operazione contro i furti in abitazione che ha permesso di assicurare alla giustizia tre persone, oltre al 46enne anche un 21enne H.E. e un 22enne Z.N. e di recuperare il bottino di numerosi furti in appartamento.

Evaso dai domiciliari a Salsomaggiore

Le indagini sono partite in seguito ad un furto effettuato il 10 ottobre del 2017 all'interno di un appartamento a Forlì: durante il sopralluogo effettuato dagli uomini della Squadra Mobile di Forlì sono emersi elementi che facevano pensare al coinvolgimento di un 46enne che però avrebbe dovuto trovarsi agli arrresti domiciliari in provincia di Parma, a Salsomaggiore Terme. I colleghi di Parma hanno così accertato che l'uomo era evaso dalla casa della sorella già dal 27 settembre e si era reso irreperibile sul territorio nazionale. Le minuziose indagini hanno portato alla rilevazione di alcuni elementi utili per localizzare la presenza del 46enne: il 24 novembre inoltre il Tribunale di Milano ha emesso un ordine di cattura nei suoi confronti, poichè è diventata definitiva la condanna a 6 anni e 9 mesi di reclusione per alcuni reati contro il patrimonio commessi nel 2014 in provincia di Milano.

Le indagini e i selfie su Facebook

Le indagini si sono fatte più scrupolese e si sono anche avvalse della tecnica dell'Open Source Intelligence, ossia fonti aperte di informazione che permettono di raccogliere notizie sulla vita delle persone proprio grazie alla loro inconsapevole pubblicazione o diffusione di notizie sulla vita privata. Analizzando i social network, che il 46enne utilizzava nonostante si fosse reso irreperibile e su di lui pesasse un ordine di cattura, gli investigatori sono riusciti a ricostruire i legami di amicizia e di parentela e ad individuare un appartamento a Parma, all'interno del quale era ipotizzabile che il latitante potesse trovare ospitalità. All'alba di venerdì 22 dicembre i poliziotti hanno fatto irruzione all'interno della casa, che si trova nella zona della Ghiaia: all'interno dell'abitazione c'era sia il 46enne che altri due complici: il 21enne H.E. e il 22enne Z.N. Il 46enne è stato arrestato sia per l'ordine di cattura proveniente da Milano sia per la misura cautelare emessa dal tribunale di Rimini per l'evasione dai domiciliari. I poliziotti sono riusciti ad individuare una foto con il ricercato e altri due soggetti, postata su Facebook e probabilmente scattata a Parma. Gli agenti, lavorando sugli altri due volti, sono così riusciti attraverso la fidanzata di uno dei due, anch'ella nota nel mondo dello spaccio a Parma, ad individuare una casa del centro storico della città emiliana. 

Il 'covo' dei ladri in un appartamento in Ghiaia

ll'interno dell'appartamento sono stati trovati numerosi oggetti di valore: orologi, oggetti in oro, cellulari, orecchini, argenteria e anche un paio di manette. Alcuno oggetti sono stati ricondotti a due furti in abitazione avvenuti a Noceto il 29 novembre e a Roccabianca il 4 novembre. La parte restante della merce è ancora oggetto di riscontri per l'individuazione dei proprietari. I due più giovani sono stati sottoposti a fermo come indiziati del reato di ricettazione: il fermo è stato convalidato dal Gip Alessandro Conti. Tutti e tre si trovano nel carcere parmigiano di via Burla

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento