Assaltarono il pub Tramvai: sgominata banda di rapinatori

In maggio avevano assaltato, armi in pugno, il locale di Fidenza: i malviventi, originari della Campania, età compresa fra i trenta e cinquant'anni, sarebbero tutti domiciliati nel Parmense e ora, in stato di fermo nelle camere di sicurezza di Parma sono in attesa della convalida dell'arresto

In cinque, incappucciati e con le pistole in pugno, avevano seminato terrore al ristorante Tramvai di Cremona la notte di venerdì 10 maggio. Sempre in cinque, ancora a volto coperto e a semi-automatiche spianate, nove giorni piu' tardi avevano assaltato un locale della medesima proprietà a Fidenza. Tutti e cinque sono stati catturati dalla polizia in flagranza di reato all'uscita di una sala giochi di Parma diventata il teatro del loro ennesimo saccheggio. E come ipotizzato dagli inquirenti gia' nell'immediatezza dell'incursione da incubo nel ristorante di Cremona, quando valutando la dinamica di quella rapina perfettamente pianificata si era subito pensato all'azione di un commando organizzato, sarebbero degli specialisti.

Dallo spessore criminale testimoniato dalla fedina penale e dall'abitudine a maneggiare le armi: revolver giocattolo quelli che avevano a disposizione quando sono stati bloccati 48 ore fa, veri, stando a quanto ritengono gli investigatori, quelli utilizzati in alcune delle scorribande precedenti. I malviventi, originari della Campania, età compresa fra i trenta e cinquant'anni, sarebbero tutti domiciliati nel Parmense e ora, in stato di fermo nelle camere di sicurezza di Parma sono in attesa della convalida dell'arresto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per questo, aspettando che la magistratura si esprima sulla fondatezza delle accuse, i poliziotti mantengono il riserbo piu' stretto tanto sull'operazione che ha condotto alla cattura quanto sulle perquisizioni domiciliari che ne sono scaturite e che avrebbero portato al sequestro di passamontagna e di altro materiale ritenuto interessante ai fini dell'inchiesta. A fare terra bruciata intorno alla presunta gang sono stati gli agenti della squadra mobile di Cremona in collaborazione con i loro colleghi di Parma e di Piacenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento