menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università, aperto il bando Er.Go: 618 posti negli alloggi per studenti

L'ano scorso solo a Parma sono state assegnate 2.892 borse di studio, per un totale di 12 milioni e 719 mila euro - osservano i consiglieri regionali del Pd Gabriele Ferrari e Roberto Garbi

Alloggi, borse di studio, contributi per la ristorazione e per esperienze di studio all’estero, prestiti e servizi per persone con disabilità. Si è aperto il bando di Er.Go, l’Azienda regionale per il Diritto agli studi superiori, per l’assegnazione di servizi e benefici agli studenti universitari dell’Emilia-Romagna per l’anno accademico 2012/2013. A comunicarlo, i consiglieri regionali PD, Gabriele Ferrari e Roberto Garbi, componente della Commissione “Lavoro, Scuola, Formazione, Cultura, Turismo, Sport”

Le borse di studio, che saranno assegnate sulla base delle condizioni economiche dello studente e della condizione di pendolare, fuori sede o in sede, hanno un valore che varia da un minimo di 1.402 euro ad un massimo di 5.073 euro. “Lo scorso anno accademico a livello regionale sono state soddisfatte le richieste di 17.505 studenti, per una spesa di oltre 67 milioni di euro. Solo a Parma sono state assegnate 2.892 borse di studio, per un totale di 12 milioni e 719 mila euro – osservano Ferrari e Garbi -. Di fatto tutti gli studenti risultati idonei alla borsa di studio hanno ricevuto un contributo in denaro”.

Alle borse di studio si affiancano altri contributi. A partire dai prestiti fiduciari, una forma di finanziamento a condizioni agevolate e senza bisogno di garanzie che possono arrivare ad un importo massimo di 23 mila euro. Poi vi sono gli assegni formativi per favorire l’accesso e la frequenza a Master, corsi di Alta Formazione e specializzazione all’estero, compresi tra 2 mila e 4 mila euro; i contributi per percorsi accademico-formativi connessi ad obiettivi di sviluppo regionale, con un valore massimo di 2 mila euro; gli interventi straordinari, del valore massimo di 2 mila euro, per studenti in situazione di particolare difficoltà e i contributi per la mobilità internazionale, per un totale di 200 mila euro. Infine, gli oltre 3 mila posti disponibili nelle Residenze universitarie della nostra regione.

“A Parma abbiamo 618 posti – spiegano i consiglieri regionali -. Gli alloggi sono prioritariamente destinati agli studenti in graduatoria, quindi in possesso dei requisiti economici e di merito previsti dal bando di concorso. I posti sono prenotabili nel borsino on-line, dove è possibile visualizzare le soluzioni abitative, effettuare la prenotazione e il pagamento per il periodo di soggiorno prescelto”.

Novità di quest’anno è lo Sportello unico on-line per gli studenti internazionali: un punto di accoglienza, orientamento e informazioni per le ragazze e i ragazzi stranieri che decidono di cominciare o continuare la loro formazione universitaria in Emilia-Romagna. “Questi contributi, riservati a studentesse e studenti meritevoli e con un reddito familiare basso – concludono Ferrari e Garbi – sono uno strumento utilissimo per realizzare la piena applicazione del diritto allo studio, fondamento di una società realmente democratica. Uno strumento cui ancora una volta l’amministrazione regionale dimostra di credere con convinzione e concretezza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento