Guido Maria Conforti: il 21 febbraio il Concistorio per la beatificazione

Il fondatore dei missionari Saveriani verrà beatificato ad 80 anni dalla morte. Grande soddisfazione da parte del sindaco Pietro Vignali: "Da cattolico praticante invito i parmigiani ad imitare il suo esempio"

Nella mattinata di lunedì 21 febbraio 2011 presso la Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico Vaticano, avrà luogo, durante la celebrazione dell’Ora Sesta, il Concistoro Ordinario Pubblico per la Canonizzazione dei Beati.

Tra le cause di canonizzazione quella di Guido Maria Conforti (1865-1931), Arcivescovo Vescovo di Parma, fondatore della Pia Società di San Francesco Saverio per le missioni estere (Missionari Saveriani).

Un evento molto atteso dalla città di Parma e dal suo primo cittadino Pietro Vignali che l’ha definito storico, invitando le nuove generazioni a conoscere la storia di Conforti, ma soprattutto ad imitarne l’esempio.

“Sfruttiamo i mesi che ci separano dallo storico evento per riflettere su questa grande figura della nostra città. Da cattolico praticante prima ancora che da sindaco di Parma, invito i parmigiani a non accontentarsi di rispolverare la storia del Conforti, ma di imitare il suo esempio, al pari della beata Madre Adorni, fondatrice delle “Ancelle dell’Immacolata”, di cui è stata recentemente celebrata la prima memoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tal proposito, mi piace ricordare le parole espresse dal vescovo Enrico Solmi in quell’occasione, che ha sottolineato come si debba trasmettere alle future generazioni la storia di questa beata come uno stile di vita. Sono convinto che si debba fare altrettanto con il beato Conforti, un uomo che ha cambiato, migliorandola, la storia di Parma e, non accontentandosi, di tante altre zone del mondo. In questa occasione voglio quindi ringraziare nuovamente i missionari Saveriani che, fedeli al loro fondatore, da oltre un secolo donano se stessi, a volte rischiando la vita, per portare la fede cristiana nel mondo, aiutando le popolazioni più povere e garantendo la dignità della persona".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

Torna su
ParmaToday è in caricamento