Bedonia, torna l'ambulanza con l'infermiere a bordo. Fino al 30 settembre

Dopo la positiva esperienza dell’anno scorso, da agosto nell’alta Valtaro-Valceno si rinnova il “Progetto Infermiere Estivo”: l’ambulanza infermieristica diventa nuovamente realtà grazie alla Croce Rossa di Bedonia

Dopo la positiva esperienza dell’anno scorso, da agosto nell’alta Valtaro-Valceno si rinnova il “Progetto Infermiere Estivo”: l’ambulanza infermieristica diventa nuovamente realtà. Grazie al grosso sforzo economico della Croce Rossa di Bedonia, dal 1 Agosto al 30 Settembre verrà garantita la presenza di un infermiere che affiancherà in ambulanza i volontari impegnati nei servizi di emergenza-urgenza nei Comuni di Bedonia, Compiano e Tornolo. Comuni che presentano numerose frazioni distanti dal presidio ospedaliero di riferimento perchè distribuite su un ampio territorio caratterizzato da medie/lunghe percorrenze.

Da sempre l'emergenza territoriale 118 è affidata ai volontari della CRI, Ente che mette a disposizione della Centrale Operativa 118 “Parma Soccorso” le sue ambulanze e i suoi volontari h24, 365 giorni all'anno. L’infermiere in supporto sarà attivo dalle ore 8 alle 20, nei giorni feriali dal lunedì al venerdì: vale a dire in quel periodo di tempo in cui non è presente la Guardia Medica e i volontari si ritrovano da "soli" senza personale sanitario in aiuto.

Scopo dell’infermiere è aiutare i volontari nello svolgimento degli interventi, fungere da anello di collegamento tra il luogo dell’intervento ed il successivo affido al mezzo di soccorso avanzato (automedica Borgotaro 30 o elisoccorso) e quindi ottimizzare la performance dell’intervento stesso, a tutto beneficio dell’assistito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Va sottolineata l’importanza delle ambulanze con infermiere a bordo, mezzi che rappresentano una risorsa intermedia la cui grande versatilità costituisce il punto di forza di questa tipologia di mezzo di soccorso. Questo importante risultato è frutto degli sforzi della CRI di Bedonia grazie alla collaborazione con i vertici provinciali CRI ed il supporto dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma. Azienda da sempre sensibile ed attenta alle criticità dell’emergenza sul territorio montano: dal 2006 ha introdotto e tuttora supporta e garantisce h24/365 giorni l’anno il servizio automedica “Borgotaro 30”. Perché gli Infermieri amano la Vita e... possono salvare delle Vite!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento