Berceto, il sindaco che andrà in mutande davanti al Quirinale

Luigi Lucchi il 22 marzo ha annunciato che sarà a Roma "in mutande con la fascia tricolore" per protestare contro la Tares. Intanto nella sua tournèe americana ha raccolto 350 firme contro l'Unione dei Comuni

La 'trasferta' a New York del sindaco di Berceto, Luigi Lucchi, che lì ha raccolto quasi 350 firme in più contro l'Unione dei Comuni della montagna ovest di Parma, è stata ripresa con enfasi dal quotidiano America Oggi, diffuso lì insieme a Repubblica testimoniando della vita e degli interessi degli italiani d'origine. Il quotidiano ha dedicato un'intera pagina alla battaglia di Berceto riferendo dell'interesse per la vertenza anche delle delegazioni a New York di originari di altri comuni coinvolti (Albareto, Bardi, Valmozzola, Bedonia) e perfino di Comuni Piacentini.

"I bercetesi di New York - riferisce Lucchi - hanno ritenuto opportuno informare il Consolato e si sono premurati di accompagnare il proprio sindaco dal Vice Console Lucia Pasqualini per un colloquio durato oltre un'ora". I motivi della preoccupazione degli emiliani a New York, spiega, "non sono solo affettivi e di campanile, comunque importanti per una Comunità rimasta legata fortemente alle proprie origini, ma sono anche di veri e propri interessi economici. I montanari d'America ben hanno compreso che la perdita, nei fatti, del proprio Comune, vuol significare, certamente, un deprezzamento del valore dei propri beni che hanno voluto mantenere nei Comuni d'origine".

E ricorda anche l'esito del referendum locale: "oltre l'80% di elettori bercetesi il 24 e 25 febbraio ha votato No all'Unione". "I giornalisti americani - prosegue Lucchi - si sono meravigliati che debba essere un sindaco a protestare contro queste Leggi e soprattutto contro la Tares. Chiedono, infatti, se non sia il compito dei senatori della regione". Il 22 marzo, comunque, ad intervistare Lucchi "ci saranno anche corrispondenti di giornali e Tv americani", quando il sindaco conferma che sarà "davanti al Quirinale, in mutande, con la fascia tricolore, per protestare contro la nuova tassa rifiuti in sostituzione della Tarsu, che aumenterà, in favore dello Stato, notevolmente i costi soprattutto per gli esercizi commerciali e per le seconde case".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento