Provenzano, condizioni molto gravi: rimane in coma farmacologico

Restano gravissime le condizioni di salute del boss Bernardo Provenzano, operato d'urgenza all'Ospedale Maggiore per la riduzione di un ematoma cerebrale determinato da una caduta. Il figlio Angelo a Parma

Restano gravissime le condizioni di salute del boss Bernardo Provenzano, operato d'urgenza ieri nell'ospedale di Parma per la riduzione di un ematoma cerebrale determinato da una caduta. Il capomafia resta in coma farmacologico. Il figlio Francesco Paolo e la moglie Saveria Palazzolo l'hanno incontrato in carcere sabato scorso. Provenzano aveva un'evidente ferita alla testa, ma, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe nuovamente caduto. Al figlio Angelo, da ieri a Parma per avere notizie del padre, i medici hanno prospettato un quadro clinico molto grave: anche se il boss, che aveva già diverse patologie neurologiche, dovesse sopravvivere, le sue capacità cognitive potrebbero essere molto compromesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento