menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bilancio, Comune 'mette in salvo' 75 milioni di euro per il 1° trimestre

Più di 75 milioni di euro, destinati al pagamento delle retribuzioni del personale e al pagamento di rate e mutui in scadenza non saranno pignorabili. Lo ha stabilito la Giunta nell'adunanza del 13 dicembre

All'inizio del nuovo anno il Comune di Parma sarà in esercizio provvisorio. Lo ha annunciato l'assessore al Bilancio Gino Capelli. L'approvazione del bilancio previsionale 2013 infatti è slittata. Intanto la giunta provvede a 'mettere in salvo' alcune somme da eventuali esecuzioni forzate da parte dei tanti creditori del Comune di Parma.

Per il primo trimestre del 2013 più di 75 milioni di euro, destinati al pagamento delle retribuzioni del personale e al pagamento di rate e mutui in scadenza non saranno pignorabili. Lo ha stabilito la Giunta che, nella riunione del 13 dicembre, ha approvato una delibera che quantifica le somme impignorabili, ovvero quelle che non possono essere soggette ad esecuzione forzata. Nello specifico il Comune ha 'messo in sicurezza' 23 milioni e 792 mila euro per il pagamento degli stipendi, 9 milioni di 500 mila euro per il pagamento di rate e mutui e 41 milioni per l'espletamento di servizi locali indispensabili.


Proprio a gennaio 2013 è stata rinviata l'approvazione del bilancio preventivo 2013, dopo che in un primo tempo la discussione inerente al tema era stata fissata per la fine del 2012. Qualche giorno fa il Comune precisava in una nota che anche l'approvazione dei piani industriali delle società partecipate sarebbe slittato all'inizio del nuovo anno. Il debito del gruppo Stt ammonta a 418 milioni di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento