Cronaca

Bimbi maltrattati alla materna di Colorno: condannate le due maestre

Pene di 2 anni e mezzo e di 3 anni e 4 mesi: le due erano state arrestate a maggio

Sono state condannate per maltrattamenti a 2 anni e mezzo e 3 anni e 4 mesi le due maestre, di 59 e 47 anni, Anna Pierina Smaldone e Giuseppa Genovese della scuola Materna di Colorno che furono arrestate nel mese di maggio dai carabinieri. La sentenza di primo grado ha stabilito anche un risarcimento di 126 mila euro. 

"Dopo l’assoluzione per numerose imputazioni alle due docenti dell’Istituto Comprensivo di Colorno -si legge in una nota della Gilda Insegnanti- finite sotto accusa lo scorso mese di maggio, e la contemporanea condanna delle stesse rispettivamente a 3 anni e 4 mesi e 2 anni e 6 mesi emessa oggi dal giudice per l’udienza preliminare, la Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza tramite il suo coordinatore Salvatore Pizzo, auspica un ulteriore ridimensionamento delle accuse nel giudizio di appello". 

Le maestre in Tribunale

Verso le ore 11.30 del 28 maggio 2018 Anna Pierina Smaldone e Giuseppa Genovese sono arrivate, accompagnate dai rispettivi avvocati. Davanti al Gip le due hanno avuto la possibilità di raccontare la loro versione dei fatti: pesanti le accuse nei loro confronti così come pesanti sono le immagini contenute nelle telecamere piazzate per un mese dai carabinieri. Giuseppe Genovese ha deciso di parlare mentre Anna Pierina Smaldone si è avvalsa della facoltà di non rispondere. 

 "Ha cercato di chiarire, per quanto possibile, la sua posizione ha detto Marilena Facente, l'avvocato di Giuseppa Genovese E' chiaro che si tratta di addebiti importanti, siamo in una fase embrionale quindi allo stato attuale non posso dire nulla di più. La mia assistita confida in una riverificazione della sua posizione. Non è stata avanzata nessuna istanza da parte mia". La legale, quindi, non avrebbe fatto richiesta per la revoca degli arresti domiciliari, misura alle quale le due maestre sono sottoposte dal giorno degli arresti. 

Gli arresti di maggio a Colorno: bambini maltrattati e presi a schiaffi

Schiaffi, spintoni, percosse ma anche punizioni violente, urla e minacce nei confronti di bambini dai 3 ai 5 anni. Choc all'interno di una sezione della scuola dell'Infanzia di Colorno: dopo una rapidissima indagine, che si è basata anche su una mole notevole di intercettazioni video ed audio, i carabinieri di Colorno hanno eseguito, nella serata del 22 maggio, il provvedimento di custodia cautelare agli arresti domiciliare nei confronti di due maestre, G,G, di 59 anni e A.P.S. di 47 anni,

L'ordinanza è stata emessa dal Gip su richiesta della Procura della Repubblica di Parma. Secondo la ricostruzione degli inquirenti e della Procura i comportamenti messi in atto dalle insegnanti sarebbero stati gravissimi: violenze fisiche come percosse e schiaffi e psicologiche, minacce e punizioni che venivano applicate ai bambini consideranti disobbedienti. I piccoli sarebbero stati costretti a stare, anche per ore, in una stanza separata rispetto a quella degli altri bambini senza potersi muovere e sarebbero stati umiliati continuanamente; in un caso una delle due maestre avrebbe fatto mangiare un bambino in piedi con il piatto in mano sottolineando poi: "Mangi come un animale per punizione". 

Maestre arrestate: l'inizio delle indagini

Le indagini sono partite alla fine del mese di marzo quando la mamma di una delle bambine che frequenta la sezione si è presentata dai militari perchè sua figlia aveva iniziato a manifestare comportamenti strani: per esempio era aggressiva e non voleva tornare a scuola nel pomeriggio. Dai sospetti si è passati alle prove, raccolte a partire da pochi giorni dopo: le intercettazioni video e audio dimostrerebbero, secondo le indagini, le responsabilità delle arrestate. Ora le due donne si trovano agli arresti domiciliari e sono in attesa degli interrogatori di garanzia. Gli approfondimenti dei militari, in accordo con la Procura della Repubblica, sono stati svolti all'interno di una sola classe, quella dove lavoravano le due insegnanti. Le indagini sono state particolarmente veloci: la mamma si è presentata dai carabinieri il 23 marzo: le prime intercettazioni sono iniziate dopo qualche giorno: il materiale raccolto nel mese di aprile e nei primi giorni di maggio, fino al 3, è stato corposo. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbi maltrattati alla materna di Colorno: condannate le due maestre

ParmaToday è in caricamento