menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Black out a Fidenza, Massari: "Class action contro Enel"

Il sindaco di Fidenza Massari fa il punto sul quarto giorno consecutivo di emergenza black out sul territorio comunale, ricordando che l'energia deve essere riportata in alcune zone della collina alta

Non si placano le polemiche a seguito dell'interruzione elettrica conseguente alla nevicata dei giorni scorsi. Il sindaco di Fidenza Massari prende posizione e fa il punto della situazione. “Il summit in Prefettura con Enel e la dura reazione mia e di altri colleghi sindaci hanno funzionato: oggi la presenza delle squadre tecniche è triplicata e, non è un caso, a Fidenza le utenze senza energia elettrica sono scese da oltre 200 a 50 circa e per domani l'azienda ci garantisce che la corrente sarà riportata in tutto il territorio comunale - sottolinea attraverso una nota diffusa -. Chiudiamo questa brutta storia e poi tireremo i conti dei danni. Posso anticipare che condivido con Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, di procedere con una class action contro Enel”. Dopo il quarto giorno consecutivo di emergenza black out sul territorio comunale, il sindaco sottolinea: “L'energia deve essere riportata in alcune zone della collina alta, a Castione e a San Michele Campana. Enel ci comunica che è importante rifare le segnalazioni per mancanza di energia elettrica. Il numero verde Enel da chiamare è il 803500 per guasti. Chiedo ai cittadini e alle imprese di chiamare anche al 800451451 della Polizia Terre Verdiane che sta facendo da supporto e monitoraggio”.

Nel frattempo, prosegue nella nota diffusa, “il Comune continua a garantire ospitalità gratuita in albergo a tutte le persone che anche stanotte saranno senza energia. Abbiamo ospitato poco meno di 20 persone in tre giorni, alcuni cittadini hanno potuto recarsi in albergo anche solo per una doccia calda”. Circa il risarcimento dei danni subiti da famiglie, cittadini e imprese e dallo stesso Comune, Massari rivela che “nei prossimi giorni convocheremo in Municipio le associazioni dei consumatori e i cittadini, per discutere insieme della procedura di class action e di altre misure, non essendo minimamente sufficienti le somme per l'indennizzo ordinario fissate dall'Autorità per l'Energia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento