Blitz contro lo spaccio in una casa di via Collodi, pusher sferra calci e pugni ai poliziotti: arrestato 34enne 

Il giovane nigeriano era in camera da letto e ha reagito con violenza al controllo dei poliziotti: su un tavolo alcuni ovuli con 42 grammi di cocaina

Quando i poliziotti dell'Antidroga della Squadra Mobile di Parma sono entrati all'interno dell'abitazione in cui vive in via Collodi li ha accolti con calci e pugni, opponendo una strenua resistenza al controllo. Un 34enne nigeriano, poi bloccato ed arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, si è reso protagonista dell'episodio di violenza nei confronti delle forze dell'ordine nella mattinata di ieri, lunedì 15 luglio.

Gli investigatori della sezione antidroga avevano raccolto informazioni sul giovane, pregiudicato e già arrestato per spaccio nel 2013, e sulla sua casa di via Collodi. All'interno dello stabile c'è un'abitazione a disposizione di alcuni cittadini nigeriani. Il blitz è scattato all'alba: nella camera da letto i poliziotti hanno trovato E.D, che ha reagito con violenza. La perquisizione ha permesso di trovare, sopra ad un tavolino, un bicchiere di plastica con dentro 37 ovuli, di cui 20 ricoperti di nastro isolante di colore rosso e 17 con nastro isolante di colore grigio. All'interno degli ovuli c'era cocaina per un peso complessivo di 42 grammi. Il 34enne, identificato dopo l'accompagnamento in Questura, era stato arrestato a Torino alcuni anni fa, sempre per spaccio. Ora si trova nelle celle di sicurezza della Questura di Parma, in attesa del processo per direttissima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento