Blitz dei carabinieri negli autolavaggi, scoperti tre lavoratori in nero: chiusa un'attività

Controlli del nucleo Ispettorato del Lavoro dei carabinieri: multa di 6 mila euro per l'autolavaggio di via Spezia

Controlli a tappeto all'interno degli autolavaggi della città per verificare il rispetto delle norme per quanto riguarda l'assunzione dei lavoratori e lo smaltimento dei rifiuti. Il blitz infatti è stato effettuato dai nucleo Ispettorato del Lavoro dei carabinieri, insieme ai carabinieri forestali. Una ventina di militari sono stati impegnati nei controlli: nell'autolvaggio di via Spezia sono stati sorpresi due lavoratori non regolari: per il titolare è scattata una multa salatissima di quasi 6 mila euro e la sospensione dell'attività. Nell'autolavaggio di via Pellico invece è stato trovato un lavoratore in nero: la multa in questo caso è stata di quasi 2 mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un furgone e sbalzato contro una moto: ciclista 45enne gravissimo

  • A Parma il primo impianto dello stimolatore capace di interrompere i segnali di dolore al cervello

  • Devasta la stazione rischiando di far deragliare un treno: arrestato 21enne tunisino

  • Coronavirus: stato di emergenza prorogato fino al 31 ottobre

  • Incidente sull'Asolana: moto contro un'auto, muore 50enne motociclista

  • Coronavirus, è il giorno 'zero': né decessi, né contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento