Blitz dei Nas di Parma contro i farmaci dopanti, sequestri per 500 mila euro: un arresto

In manette un 35enne lituano

Blitz contro i farmaci illegali utilizzati nelle palestre. I Nas di Parma e i carabinieri del Nucleo Investigativo di Modena hanno eseguito una perquisizione nei confronti di un cittadino lituano residente a Modena e sospettato di gestire sostanze illegali.

L'indagine, coordinata dal PM Francesca Graziano, si è rivelata corretta: nell'abitazione dello straniero sono è stata trovata oltre un etto marijuana, ma soprattutto numerose confezioni di farmaci detenuti illegalmente per un valore economico di oltre 500.000 euro. Si tratta di svariate centinaia di confezioni, di cui numerose ad uso veterinario (come il Boldenone) ed altre scadute di validità, etichettate in lingua straniera e prive di A.I.C. (Autorizzazione all’Immissione in Commercio) per l’Italia. I medicinali in questione risultano contenere principi attivi ad effetto dopante, nonché ad effetto stupefacente, come ad esempio il Nandrolone.

Il 35enne lituano è stato dichiarato in stato d’arresto e condotto in cella al carcere di Sant'Anna. Le accuse sono di detenzione di stupefacenti e di introduzione di farmaci privi di autorizzazione, ma anche di "utilizzo o somministrazione di farmaci o di altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti" L'indagine ha infatti portato alla luce l'attività "commerciale" dello straniero, che era solito frequentare diverse palestre di bodybuilding dove, oltre ad allenarsi, contattava i potenziali clienti per la sua peculiare attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

Torna su
ParmaToday è in caricamento