Blocca il bus in centro e aggredisce l'ex compagna 16enne con il figlioletto

L'episodio è avvenuto qualche giorno fa in via Garibaldi: il 21enne, originario della Guinea ed irregolare, è stato denunciato e trasportato in un Cpr

Ha bloccato un autobus della Tep in pieno centro per aggredire la sua ex compagna, una ragazza, di soli 16 anni, con la quale aveva avuto un figlio. La giovane, che si trovava effettivamente a bordo del bus che è transitato da via Garibaldi, aveva con sè anche il figlioletto, nel passeggino. Gravissimo episodio qualche giorno fa in pieno centro a Parma: il giovane 21enne, originario della Guinea ed irregolare sul territorio italiano, aveva avuto una relazione con la 16enne italiana, residente in una provincia vicina a Parma. Era nato un figlio che il 21enne non aveva riconosciuto.

La 16enne, già qualche mese fa, aveva fatto una segnalazione alle forze dell'ordine per il comportamento violento del 21enne. Il giorno di Ferragosto il giovane ha visto il bus ed ha decido di bloccarlo: si è messo in mezzo ed è iniziato ad urlare. I passeggeri hanno subito chiamato i poliziotti delle Volanti, che sono arrivati in pochi istanti, evitando che la situazione degenerasse. Il giovane è stato portato in Questura ed identificato: irregolare ha alle spalle alcune denunce per rapina, resistenza e violenza. Contro di lui è scattata una denuncia per minacce e una per interruzione di pubblico servizio: dopo le verifiche è stato trasportato in un Cpr in attesa dell'espulsione dal territorio nazionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento