Sforamenti record: blocco del traffico prenatalizio anticipato a giovedì 19 dicembre

Domani verrà presumibilmente imposto un nuovo stop al traffico, che avrebbe dovuto scattare nella giornata di domenica 22 dicembre. Il blocco verrà anticipato "riducendo al minimo l’impatto sulle attività commerciali".

"Con il perdurare dell’alta pressione -si legge in una nota del Comune di Parma- purtroppo l’inquinamento cresce: in tutta la Regione si sono verificati sforamenti senza soluzione di continuità.  Pertanto, in base al protocollo regionale per la qualità dell’aria, domani verrà presumibilmente imposto un nuovo stop al traffico, che avrebbe dovuto scattare nella giornata di domenica 22 dicembre.

Il Comune di Parma, insieme a tutti gli altri capoluoghi della Regione, si è attivato per anticipare la giornata di chiusura al traffico, entro la sola circonvallazione interna, alla giornata di giovedì 19 dicembre, con lo scopo di non disattendere gli obblighi presi con la Regione, riducendo al minimo l’impatto sulle attività commerciali. E la Regione ha dato il benestare all’anticipazione della eventuale chiusura a giovedì su tutto il territorio regionale, anche per fronteggiare più tempestivamente l’effetto degli agenti inquinanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le politiche per la qualità dell’aria devono essere affrontate con determinazione – afferma il sindaco Federico Pizzarotti - non siamo qui per scegliere tra la lotta all’inquinamento o le esigenze dei commercianti, siamo qui per ottenere entrambe, e non possiamo metterci a pensare continuamente che l’uno danneggi l’altra. Non siamo in una forma di baratto. Ma nonostante il fatto che abbiamo ottenuto una risposta positiva della Regione ad un problema nel breve termine, serve adesso una politica seria contro l’inquinamento. Il tempo dell’attesa è finito, e anche la Regione non può far finta di niente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento