menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quattro giorni di sforamenti: da mercoledì 25 febbraio scatta il blocco del traffico

Le limitazioni riguardano l'area interna alle tangenziali con possibilità di accesso ai principali parcheggi scambiatori con le modalità abituali del blocco della domenica e fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30

Il provvedimento che verrà adottato a partire da mercoledì anticipa a Parma quella che sarà una delle misure adottate come legge regionale in Emilia-Romagna dall’ottobre 2015 con il PAIR 2020, il piano integrato per la qualità dell’aria che ha l’obiettivo di ridurre della metà le emissioni di PM10 nella nostra regione. L’Amministrazione ha deciso introdurre da subito questa misura a causa dell’elevato numero di sforamenti che si sono registrati nelle centraline ARPA cittadine nel mese di gennaio proseguite poi anche a febbraio (32 sforamenti dei limiti su 49 giorni). 

Orari ed area interessata. Le limitazioni riguardano l’area interna alle tangenziali con possibilità di accesso ai principali parcheggi scambiatori (incluso parcheggio Toschi) con le modalità abituali del blocco della domenica e fascia oraria dalle 8.30 alle 18.30

Principali deroghe. Autoveicoli ad alimentazione elettrica o ibrida, autoveicoli ad alimentazione a gas metano o GPL, autoveicoli alimentati a benzina omologati Euro 4 o superiori, diesel Euro 5 o superiori, autoveicoli con almeno tre persone a bordo (car pooling), auto condivisa (car sharing), autoveicoli condotti da persone con più di 70 anni, mezzi privati con a bordo portatori di handicap muniti di apposito contrassegno, veicoli di lavoratori il cui orario di lavoro abbia inizio o fine in periodi non coperti dal trasporto pubblico o in pronta reperibilità, veicoli di privati diretti presso l’abitazione di familiari che necessitino di assistenza domiciliare, veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di malattie gravi e non o per visite o trattamenti sanitari programmati, veicoli di venditori ambulanti accreditati durante i giorni di mercato per i percorsi di entrata ed uscita dalle aree mercatali, veicoli per il trasporto dei bambini da/per gli asili nido, le scuole materne, le scuole elementari, mezz’ora prima e mezz’ora dopo l’orario di ingresso e di uscita degli alunni, veicoli trasporto merci per operazioni di carico/scarico dalle 08:30 alle 10:30 e dalle 14:30 alle 16:30.

La lista completa nell’ordinanza. Perchè i 4 sforamenti consecutivi registrati la settimana scorsa fanno partire il blocco mercoledì?
I dati medi rilevati da ARPA vengono comunicati entro le ore 12 del giorno successivo con un procedimento che ne richiede la validazione da parte dei tecnici e non viene rilasciato automaticamente dagli strumenti di rilevamento. Attualmente la struttura di ARPA non prevede la presenza dei tecnici preposti alla validazione dei dati nei giorni festivi ed è per questo che i dati di venerdì e sabato vengono comunicati il lunedì. Abbiamo chiesto alla Regione Emilia-Romagna che in previsione dell’applicazione del PAIR 2020 venga garantita la comunicazione dei dati tutti i giorni della settimana, festività comprese, al fine di permettere una pronta risposta del meccanismo anche nel caso che il 4° giorno cada in un giorno festivo. 

Necessità di comunicazione ai media. Il blocco parte nei 2 giorni successivi alla comunicazione di ARPA per permettere ai tv, carta stampata e media online di darne diffusa comunicazione alla cittadinanza ed alla struttura tecnica del Comune di predisporre cartellonistica e transennature sulle strade di accesso. Anche la revoca del blocco viene determinata 2 giorni dopo la comunicazione ARPA del rientro nei limiti. Nel caso particolare dei 4 giorni di sforamento della settimana scorsa (in realtà i giorni di superamento si sono protratti da martedì 17/02 a sabato 21/02), la comunicazione ARPA è giunta in Comune questa mattina e ciò fa scattare il blocco per mercoledì 25/02. Nella stessa mattina è arrivata anche la comunicazione ARPA del rientro nei limiti di Legge di ieri (domenica 22/02), per questa ragione già da giovedì 26/02 il provvedimento sarà revocato, mentre mercoledì 25/02 viene comunque effettuata la chiusura, indipendentemente dal rientro di domenica, in linea con la disciplina contenuta nel PAIR.

Casi in cui si revoca il blocco. Nell’ordinanza emessa l’amministrazione si riserva la facoltà di revocare le limitazioni alla circolazione in condizioni climatiche particolari come forti piogge o nevicate previste nei giorni di blocco che limitino la mobilità alternativa al mezzo privato. Perchè ha senso fare il blocco anche se i limiti si sono abbassati. Nella stagione invernale le condizioni sono favorevoli ad un incremento delle medie giornaliere e ridurre il numero di auto che circolano è comunque utile ad allentare il carico emissivo anche se le piogge dei giorni scorsi hanno abbassato i livelli sotto i limiti di legge. Ricordiamo che le PM10 sono comunque nocive per la salute anche a livelli bassi e che ad incremento di 10 microgrammi/metro cubo corrispondono incrementi di malattie respiratorie, cardiovascolari e ricoveri ospedalieri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento