Bocchialini alla Stuard: "Siamo nella fase del progetto"

Romanini commenta la notizia della raccolta firme dei Gas

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

E’ positivo che attorno all’idea di un nuovo istituto agrario ci sia così tanto interesse, perché vuol dire che la comunità vuole partecipare ad una scelta che riguarda il futuro del territorio e dei nostri ragazzi”. A dirlo è l’assessore provinciale alle Politiche scolastiche Giuseppe Romanini che sottolinea come su questa vicenda nessuna decisione formale sia ancora stata presa.
“Siamo nella fase del progetto e l’obiettivo è realizzare una scuola di qualità altamente sostenibile – dice Romanini -  Intendiamo discutere della nuova scuola e della sua collocazione all’Azienda Stuard con tutti quelli che ce lo chiederanno. Ne abbiamo discusso di recente con Legambiente, su loro richiesta, lo stiamo facendo con la scuola in un percorso di progettazione partecipata e intendiamo farlo pubblicamente nei tempi che serviranno. E’ una iniziativa importante, perché consente di incrementare la dotazione di aule e laboratori per tutto il polo scolastico parmense a fronte di un incremento significativo degli studenti.  E’ un impegno oneroso in termini di risorse per una amministrazione pubblica e ci sono tante implicazioni che non si possono limitare al referendum sul frutteto esistente e risolversi con prese di posizione che mi sembrano vere e proprie forzature contro la Provincia.”

Torna su
ParmaToday è in caricamento