Cronaca Montanara / Via M. Jacchia

La Cgil risponde alle accuse di CasaPound: "Valuteremo una querela per diffamazione"

L'associazione sindacale risponde a Casa Pound: "Chiunque immagini di accostare il nome della CGIL a fatti come questi non sa nulla delle sue battaglie condotte per la libertà, la legalità e la democrazia"

In risposta alle strumentali sortite di Casa Pound, a seguito dello scoppio della bomba carta nei pressi della sede di via Jacchia, la CGIL di Parma ritiene doveroso ricordare che chiunque anche solo immagini di accostare il nome della CGIL a fatti come questi non sa nulla delle sue battaglie condotte per la libertà, la legalità e la democrazia. Al contrario di Casa Pound.

Accuse, quelle dell'associazione neofascista, verso le quali merita valutare un'ipotesi di querela per diffamazione. Ad ogni buon conto, a scanso di equivoci, la CGIL di Parma esprime, come da suo carattere fondativo, la più viva condanna verso questi attentati vigliacchi, peraltro talmente maldestri da fallire il bersaglio, e manifesta tutta la propria solidarietà al malcapitato commerciante coinvolto in questo brutto episodio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Cgil risponde alle accuse di CasaPound: "Valuteremo una querela per diffamazione"

ParmaToday è in caricamento