Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Bonaccini alza la guardia: "Serve prudenza, non è finita"

Il presidente della Regione: "Una certa prudenza rispetto ad alcune richieste in più che c'erano io la condivido, perché non è ancora sparito il virus, circola ancora e quindi una certa prudenza serve"

Stefano Bonaccini serve ancora prudenza. "Che si sia preoccupati è naturale perché veniamo da oltre un anno di incubo che non ci ha ancora lasciati", dice il governatore dell'Emilia-Romagna, interpellato questa mattina a Mattino 5 sulle riaperture. Le cose "stanno migliorando altrimenti non si parlerebbe ovviamente di riaperture", puntualizza il presidente. "Abbiamo per fortuna i reparti Covid e le terapie intensive che stanno cominciando a scendere, la curva dei contagi è sotto l'1 nella quasi totalità delle regioni. Come Regioni abbiamo presentato tutti insieme una serie di richieste, buona parte delle quali sono state accolte".

Come ha detto Draghi, sottolinea il democratico, il "rischio calcolato va corso altrimenti rischieremmo davvero in una parte del paese la disperazione sociale". Ma, afferma in un altro passaggio dell'intervista Bonaccini, "una certa prudenza rispetto ad alcune richieste in più che c'erano io la condivido, perché non è ancora sparito il virus, circola ancora e quindi una certa prudenza serve. Vediamo nelle prossime settimane come va, pronti a situazioni che richiedano interventi puntuali". Il presidente regionale richiama anche a comportamenti corretti, nel momento in cui si sta per partire con le riaperture. "Bisogna che le persone abbiano comportamenti individuali responsabili. Puoi mettere i controlli che vuoi, ma se uno non comprende che gli strumenti di protezione individuali e il distanziamento sono ancora necessari rischia di fare un danno a se stesso e anche agli altri", sottolinea ancora Bonaccini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonaccini alza la guardia: "Serve prudenza, non è finita"

ParmaToday è in caricamento