menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Borgo Bosazza, quartiere blindato dalla Polizia per il distacco di acqua, luce e gas

Polizia e Carabinieri in assetto antisommossa si sono schierati per 'difendere' l'intervento degli operai di Iren, che hanno provveduto al distacco delle utenze, avvenuto prima delle ore 8. Gli attivisti e le attiviste si sono mobilitati e hanno dato vita ad un presidio

E' partito con un blitz che ha bloccato gli accessi a Borgo Bosazza allo scopo di distaccare le utenze, acqua luce e gas alle famiglie che vivono all'interno delle due palazzine occupate ai civici 22 e 6. Dopo i precedenti tentativi, falliti per l'intervento degli abitanti e degli attivisti della Rete Diritti in Casa la mattina del 4 giugno Polizia e Carabinieri in assetto antisommossa si sono schierati per 'difendere' l'intervento degli operai di Iren, che hanno provveduto al distacco delle utenze, avvenuto prima delle ore 8.

IL VIDEO DEL DISTACCO CON LA RUSPA 

LA GIORNATA- Secondo quanto raccontato dagli abitanti lo schieramento di forze dell'ordine, Polizia e Carabinieri in assetto antisommossa e gli uomini della Digos, è iniziato verso le ore 7: gli accessi da entrambi i lati di Borgo Bosazza sono stati bloccati per consentire agli operai di lavorare e di distaccare luce, acqua e gas. L'articolo 5 del Piano Casa infatti vieta agli abitanti delle case occupate di aver accesso alle utenze. Ma nelle due palazzine vivono anche alcuni bambini, oltre a persone anziane. Per due volte gli operai di Iren avevano tentato in distacco ma senza successo a causa del picchetto antidistacco organizzato dagli attivisti: la mattina del 4 giugno invece l'operazione è andata a buon fine. 

LA PROTESTA DI FAMIGLIE E ATTIVISTI - Ma dentro alle due palazzine vivono famiglie con bambini che ora si ritrovano senza acqua, luce e gas e senza la possibilità di cucinare, lavarsi e provvedere alle necessità essenziali della vita di tutti i giorni. Gli attivisti e le attiviste di Rete Diritti in Casa, Art Lab e gli occupanti di Nomas Hotel, che si trova a pochi metri di distanza dalle palazzine occupate di Borgo Bosazza si sono mobilitati e hanno dato vita ad un presidio che dalle ore 9 alle ore 11 ha bloccato via d'Azeglio. C'è stata solo una contestazione ai poliziotti (VIDEO) che, dopo le operazioni di distacco, sono passati in via d'Azeglio ma nessun contatto con le forze dell'ordine. Alle ore 17 è stato indetto un presidio contro i distacchi in piazza Garibaldi 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: scuole di Parma e provincia vicino al rischio chiusura

  • Cronaca

    Covid: a Parma quasi 46 mila vaccinazioni

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento